21 Giu 2018
LO STRETCHING DELLA BANDA ILEOTIBIALE NON FUNZIONA
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 21 Giugno 2018

LO STRETCHING DELLA BANDA ILEOTIBIALE NON FUNZIONA

Lo stretching della banda ileotibiale è un'idea popolare, ma è molto difficile eseguirlo correttamente e, probabilmente, non ne vale la pena.

aggiornato il 1 dic 2017
di Paul Ingraham, Vancouver, Canada

itbs stretch 01Cos'è sbagliato in questa immagine? Non sta facendo molto con questo classico stretch della banda IT, anche se la sua tecnica è buona (ma non la è). Continua a leggere per scoprire il perché.

[N.d.r.:
   • Per una migliore comprensione del testo, suggeriamo di leggere prima:
     SINDROME DELLA BANDELLETTA ILEOTIBIALE (Aggiornamento)
.

  • Durante la lettura è utile consultare direttamente anche le note [i numeri] che
     compaiono nel testo. Potrai poi ritornare agevolmente al medesimo punto
     dell'articolo. Fai una prova [X]] 

Gli allungamenti della banda ileotibiale (IT) non funzionano? Veramente?! Allora perché sono prescritti da qualsiasi terapista del mondo per la sindrome della bandelletta ileotibiale (ITBS)?

Lo stretching per la ITBS è solo un altro obsoleto pezzetto di semplicistica comune credenza, come un milione di altre cattive idee che si sono ripetute all'infinito su internet. Lo stretch della banda IT è, nella migliore delle ipotesi, solo un trattamento poco utile. Nel peggiore dei casi è una completa perdita di tempo, e rafforza una comprensione errata di come funziona il dolore della banda IT.

E questo supponendo che in realtà la banda si stia anche allungando, il che è biomeccanicamente difficilissimo.

La maggior parte delle persone non riesce ad applicare un buono e forte stretch alla propria banda IT. Tutti gli stretch comunemente prescritti per essa, sono meccanicamente inefficaci. [1] C'è una ricerca disponibile che mostra come applicare tensione alla banda IT, ma sembra sconosciuta alla maggior parte dei medici, terapeuti e allenatori.

Preferisci il video? Ecco un video tour di miti di base della banda IT, incluso il mito dello stretching: 3 IT Band Myths & Common Treatment Mistakes  8:11

Lo stretching è generalmente sopravvalutato, ma lo è soprattutto per il ginocchio del corridore

Lo stretching gode di una reputazione migliore di quella che merita, [2] soprattutto in questo caso. Lo stretching è di gran lunga il consiglio più comune dato alle persone con dolore laterale al ginocchio. Alla maggior parte dei pazienti con la ITBS viene prescritto da un medico, un fisioterapista, o un massaggiatore, di fare stretch. Ma non ci sono prove che lo stretching possa prevenire [3] o guarire [4] il dolore della banda IT. Nessun ricercatore ha studiato correttamente il problema, e i dati preliminari sono del tutto insoddisfacenti. Non solo la banda IT è una struttura difficile da allungare, ma è anche dubbio che la sua rigidità sia un problema che meriti di essere risolto.

Tutti i preliminari test scientifici di stretching per la ITBS, al meglio, sono deludenti.

Non è lecito ritenere che lo stretching funzioni per la ITBS solo sulla parola del fisioterapista, o dei compagni di corsa che giurano su di essa, o perché è consigliata da ogni articolo in internet.

Applicare una forte tensione sulla banda IT è davvero difficile

Non è facile allungare la banda ileotibiale. Non è affatto facile! In effetti, è possibile che sia impossibile.

I tipi più comuni di stretch raccomandati per la banda IT sono anche i meno qualificati per essere efficaci, semplicemente perché sono concentrati sullo stretching della banda ileotibiale e del muscolo tensore della fascia lata, e non vi è alcun buon modo di applicare qualsiasi quantità significativa di stretch a queste strutture. Non tutto il corpo può essere allungato, proprio come non tutti i muscoli possono sollevare un pesante bilanciere. [5] Ci sono difficoltà biomeccaniche nell'allungare alcune strutture anatomiche, tra le quali le tre più rilevanti per la ITBS.

  • L'articolazione dell'anca e i muscoli più corti dell'anca sono le strutture che limitano il range di movimento in un tratto idealizzato della banda ileotibiale. Questo è stato dimostrato con competenza nel 2016 da Willett et all. [6] Il loro obiettivo era di valutare il test di Ober, usato per misurare la rigidità della banda IT. Quello che hanno trovato non è stato nulla del genere. Stavano invece misurando la "tenuta delle strutture prossimali dell'articolazione dell'anca, come i muscoli glutei medio e minimo e la capsula articolare".
    Se in quel modo non riesci a testare la rigidità della banda IT, allora non puoi allungarla a livello terapeutico. Il test di Ober è un allungamento teoricamente ideale, e in realtà non estende la banda IT (o non principalmente). Altri organi si intromettono ed è difficile applicare tensione alle strutture che vogliamo allungare, la banda IT e i muscoli che la tirano....
  • La banda ileotibiale in sé, è semplicemente troppo dura da allungare. Anche i piccoli tendini, che sono i più facili da estendere, sono estremamente difficili da allungare, e richiedono lunghe ore di doloroso stretch, come fanno i ballerini ed i ginnasti. Ma la banda IT è il tendine più lungo e più massiccio del corpo umano! Inoltre non è libero di muoversi come la maggior parte dei tendini: è ancorato lungo tutto il femore! [7] Immagina di imbullonare su una tavola di legno, in diversi punti, una striscia di gomma lunga 60 cm di spesso pneumatico. Ora prova ad "allungarla"! Potresti essere in grado di applicare un po’ di tensione su di essa, ma non con lo scopo di allungarla in modo significativo.
  • Il muscolo tensore della fascia lata, che controlla più direttamente la tensione sulla banda IT, è l’obiettivo più promettente per lo stretch. Ma è un muscolo adduttore dell'anca, così con lo stretch hai principalmente addotto l'anca: cioè, la gamba deve muoversi verso la linea mediana [N.d.r.: l'interno del corpo]. Purtroppo, c'è relativamente poco movimento disponibile in quella direzione: l'altra gamba è di intralcio. Il meglio che chiunque può fare è quello di incrociare una gamba sopra l'altra (dal lato dello stretch), e spingere il bacino in fuori. In questo modo è possibile allungare il tensore della fascia lata e la banda IT... ma non fortemente.
  • Il gluteo massimo è essenzialmente non estensibile: un muscolo sorprendentemente lungo; è proprio impossibile flettere sufficientemente l'anca per applicare molta tensione ad esso, perché la coscia incontra la pancia troppo presto ... anche in una persona magra. Qualcuno con un po' di pancetta è senza speranza.
  • Come caratteristica funzionale, oltre alla sua straordinaria durezza, la banda IT è probabilmente anche più elastica della maggior parte dei tendini. [8] Questa non è una contraddizione: le cose possono essere sia estremamente resistenti, sia elastiche (come questi super elastici - indistruttibili, ma comunque elastici). Qualunque allungamento che si può ottenere da una banda IT è solo ciò che essa consente per sua natura: non è possibile allungarla oltre quel punto e, per sua natura, tornerà alla lunghezza di riposo senza sforzo, come se non si fosse fatto nulla.

menisco-1                               ITB-011nostretch-3
(Mouse sulle figure per ingrandirle) 

Due cose che mancano agli stretch consueti della banda IT

Gli stretch consueti della banda IT mancano di una componente cruciale: la flessione del ginocchio. Per ogni speranza di stretch di questa struttura, è sufficiente inserire la flessione del ginocchio. Eppure quasi nessuno lo fa.

Come discusso in precedenza, la banda ileotibiale non ha un punto di attacco ben definito sul ginocchio, come la maggior parte dei tendini. Invece, si diffonde e si fonde nella capsula del tessuto connettivo che circonda il ginocchio. Pertanto, la posizione del ginocchio influenza chiaramente la tensione sulla banda ileotibiale - ed è stato a lungo riconosciuto che la banda ileotibiale è più rigida intorno a 30˚ di flessione, [9] sebbene alcune evidenze dimostrino che la flessione oltre 90˚ può applicare ancora più tensione. [10] Un allungamento della fascia ileotibiale senza flessione del ginocchio non è un vero allungamento della banda ileotibiale.

E c'è di più.

Un altro elemento importante ma spesso trascurato è "ancorare" il bacino. La banda IT "si blocca" ad un "gancio" sulla parte anteriore del bacino chiamata spina iliaca antero superiore (ASIS). Se si desidera allungare qualcosa collegato all'ASIS, questo deve essere tenuto fermo o tirato dalla parte opposta. Tieni semplicemente il busto lontano da quell'angolo del bacino. Questo risolve il lasco nei muscoli addominali laterali e anteriori, sollevando la parte anteriore del bacino. Inoltre si dovranno sollevare le braccia: questo richiede molto slancio del lungo muscolo gran dorsale, che stringe la fascia toracolombare come una cintura, che aiuta ad ancorare il bacino (N.d.r: vedi figura iniziale). [11]

Uno stretch della banda ileotibiale senza flessione del ginocchio non è un vero stretch della banda ileotibiale.

Nessun allungamento: non è possibile allungare la banda IT

Anche se fai tutto bene, anche se esegui l’allungamento ideale e riesci a mantenere ferma la tua banda IT per un paio di minuti, che è un tempo più lungo di quanto la maggior parte delle persone possa mai fare - quanto cambierebbe effettivamente la lunghezza della tua banda IT? Quanto lontano si sposterà?

Circa 2 millimetri, equivalente ad un cambio di lunghezza di meno del mezzo per cento.

menisco-1
(Mouse sulla figura per ingrandirla)

Non cambierai davvero la sua lunghezza, non più di quanto tu possa fare tirando una cintura di cuoio. Questa è la cosa più importante da capire per coloro che eseguono uno stretch della banda IT.

Nel 2010, la ricercatrice irlandese Eanna Falvey et all, ha confrontato l'effetto meccanico di uno stretch di base della banda IT (come quello illustrato in precedenza) con uno stretch più sofisticato, e praticamente non trovò alcuna differenza: la banda IT non era stata influenzata. E questo includeva la flessione del ginocchio, in uno stretch accuratamente applicato dagli anatomisti, ai cadaveri! [12, 13] In un esperimento ancora più aggressivo nel 2017, la banda IT è stata completamente escissa, lavata, congelata, scongelata e stirata a macchina ... e si è comunque allungata di pochi millimetri. [14]

Se tutte queste manovre non riescono ad allungare la banda IT, i podisti non hanno alcuna possibilità di farlo.

E così, sfortunatamente, i convenzionali stretch della banda ileotibiale, prescritti e descritti praticamente ovunque - anche i migliori - semplicemente non sono in grado di svolgere il loro lavoro. Supponendo anche che sia un lavoro che vale la pena di fare.

Qualche speranza di stretching: un allungamento ileotibiale migliore?

Ci sono migliori allungamenti della banda IT rispetto agli allungamenti convenzionali - principalmente aggiungendo la flessione del ginocchio, sebbene siano possibili anche altri aggiustamenti - e ci sono alcuni motivi per sospettare che l'applicazione della tensione potrebbe essere un po' terapeuticamente utile anche se l'effettivo allungamento è impossibile. Come con la maggior parte delle terapie, la neurologia della sensazione è probabilmente più importante di qualsiasi presunto cambiamento nel tessuto: allungare la banda IT può cambiare il modo in cui il cervello "sente" il ginocchio [N.d.r.: propriocezione]. [15] Ho visto che lo stretching sembra aiutare nella ITBS.

Ma ci sono opzioni di trattamento migliori per la sindrome della banda IT rispetto allo stretching. Praticamente tutti quelli che cercano informazioni sulla banda IT stanno imparando molto di più sulla sindrome della bandelletta ileotibiale, perché il soggetto è un campo minato da miti e malintesi (non solo di stretching).

  • La maggior parte dei fisioterapisti prescrive ancora gli stretches della banda IT senza alcuna prova che funzionino ... e non sono neanche i migliori stretches.
  • La maggior parte dei massaggiatori cerca ancora di "elongare" la tua banda IT con lunghi massaggi profondi, che funzionano come se si facessero su un pneumatico di camion, mentre di solito ignorano i muscoli che in realtà controllano la tensione della banda IT, l'importantissimo tensore della fascia lata e anche il gluteo massimo.
  • La maggior parte dei chiropratici ancora butta i tuoi soldi per inseguire la chimera del trattamento di bacini storti e gambe corte, che non sono mai stati dimostrati di avere a che fare con la ITBS.
  • La maggior parte dei medici la chiama ancora una sindrome da "frizione", anche se l'evidenza scientifica ora fortemente suggerisce che "la frizione" non ha nulla a che fare con essa. Inoltre, raramente, essi non conoscono molto le opzioni mediche, come iniezioni di cortisone o interventi chirurgici per il rilascio della banda IT.

Naturalmente alcuni operatori sanitari hanno avuto il tempo di studiare la ITBS correttamente, ma di solito è impossibile avere la fortuna di trovarne uno prima il tuo programma di allenamento sia ridotto in briciole.

Non ci sono cure miracolose per la sindrome della bandelletta ileotibiale

Questo è un estratto da un tutorial ben più ampio per pazienti e professionisti, che contiene, fondamentalmente, tutto ciò che c'è da sapere sulla sindrome della bandelletta ileotibiale. Non esiste un sistema infallibile, o anche ragionevolmente affidabile, per sconfiggere la ITBS (e per favore non credere a chi afferma che esiste). Ma se leggi il tutorial completo, posso garantire che conoscerai la condizione meglio della maggior parte dei medici, e capirai le opzioni imperfette e come stabilire le priorità.

Articoli correlati
SINDROME DELLA BANDELLETTA ILEOTIBIALE (Aggiornamento)
SINDROME DELLA BANDELLETTA ILEOTIBIALE: LA POSIZIONE ....
SINDROME DELLA BANDELLETTA ILEOTIBIALE: CAUSA E SOLUZIONE
LE FASCETTE PER LA BANDELLETTA ILEOTIBIALE ....

NOTE

X. Nota di prova. TORNA AL TESTO

1. Non universalmente, ovvio. Alcuni terapeuti conosceranno questa materia. Ma lasciamelo dire in questo modo: ho lavorato regolarmente per un decennio con pazienti affetti da ITBS, e ho visto che quelli a cui era stato insegnato a fare uno stretch adeguato... potevo contarli sulle dita di una mano. Alla stragrande maggioranza era stato insegnato lo stretch standard, inadeguato. TORNA AL TESTO

2. La ricerca ha chiaramente dimostrato che lo stretching convenzionale non è buono per molto e può anche essere dannoso (danni minori nell'esecuzione; qualche rischio di infortunio). Sebbene possa aumentare la flessibilità, che non ha alcun valore intrinseco se non ne hai realmente bisogno (arti marziali, ginnastica, danza ecc.), la flessibilità può essere raggiunta attraverso l'allenamento della forza con movimenti ad escursione articolare completa; perché non dovresti diventare più forte nel medesimo tempo che stai costruendo la flessibilità? Lo stretching ti fa sentire certamente bene e il movimento e la stimolazione sono, probabilmente in modi sottili, buoni per noi, ma il suo valore è molto meno chiaro di quanto la maggior parte delle persone ritenga.  TORNA AL TESTO

3. Brushøj C, Larsen K, Albrecht-Beste E, et all. Prevention of overuse injuries by a concurrent exercise program in subjects exposed to an increase in training load: a randomized controlled trial of 1020 army recruits.Am J Sports Med. 2008 Apr;36(4):663–670. PubMed #18337359. Questo studio ha mostrato "nessuna differenza significativa nell'incidenza di lesioni" nei soldati che fanno esercizi di prevenzione per le lesioni da sovraccarico al ginocchio, in particolare la sindrome della bandelletta ileotibiale e il dolore della sindrome femoro-rotulea (due tipi di ginocchio del corridore). Gli autori hanno concluso che gli esercizi "non hanno influenzato il rischio di sviluppare sovraccarico al ginocchio o sindrome da stress tibiale mediale in soggetti sottoposti ad un aumento dell'attività fisica." Il regime di esercizio includeva sicuramente lo stretching statico, e certamente non ha generato alcun miracolo di prevenzione per la sindrome della bandelletta ileotibiale. TORNA AL TESTO

4. Khaund R, Flynn S. Iliotibial Band Syndrome: A Common Source of Knee Pain. Am Fam Physician. 2005 Apr 15;71(8). PainSci #56763. Dall'articolo: "... gli studi non hanno dimostrato che l'allungamento acceleri il recupero dalla sindrome [bandelletta ileotibiale]". TORNA AL TESTO 

5. PS Ingraham. The Unstretchables: Eleven major muscles you can’t stretch (no matter how hard you try).  PainScience.com. 1982 parole. TORNA AL TESTO

6. Willett GM, Keim SA, Shostrom VK, Lomneth CS. An Anatomic Investigation of the Ober Test. Am J Sports Med. 2016 Mar;44(3):696–701. PubMed #26755689TORNA AL TESTO

7. Fairclough J, Hayashi K, Toumi H, et all. The functional anatomy of the iliotibial band during flexion and extension of the knee: implications for understanding iliotibial band syndrome. [N.d.r.: PDF dello studioJ Anat. 2006 Mar;208(3):309–316. PubMed #16533314PainSci #56738. Molti terapisti all'inizio non ci credono, poiché non concorda con l'anatomia che hanno studiato a scuola. Ma questa disposizione dell'ancoraggio è stata scoperta (o chiarita) dai ricercatori molti anni fa. L'ancoraggio non è attraverso i grandi muscoli della coscia, ma dietro di essi. L'ancoraggio è più diretto nel femore distale. Ecco la frase pertinente dell’articolo: "Questo strato di fascia profonda avvolga completamente  la coscia ed è continuo con il robusto setto intermuscolare laterale, che è saldamente ancorato alla linea aspera del femore." TORNA AL TESTO

8. Eng 2015, op. cit. Ricapitolando brevemente: questo studio mostra che la banda IT "può contribuire al risparmio energetico durante la locomozione", una struttura elastica di accumulo di energia come il tendine d'Achille. Sebbene tutti i tendini siano estensibili, sino ad un certo punto, non tutti sono ugualmente elastici, e la maggior parte non usa la loro elasticità per reinserire attivamente energia nel sistema (potrebbero essere solo questi due ad avere quel comportamento). TORNA AL TESTO 

9. All'inizio del 1979, Noble scrisse che "l'edema sull'epicondilo laterale associato al dolore nella compressione della fascia ileotibiale contro l'epicondilo laterale, a 30 gradi di flessione del ginocchio, è diagnostica". Nel 1996 Orchard mostra la realtà pratica e dolorosa di questo nella biomeccanica della corsa. Nel 2006, Fairclough ha confermato che la tensione sulla banda ileotibiale è massima a 30˚ di flessione del ginocchio. TORNA AL TESTO

10. Umehara J, Ikezoe T, Nishishita S, et all. Effect of hip and knee position on tensor fasciae latae elongation during stretching: An ultrasonic shear wave elastography study. Clin Biomech (Bristol, Avon). 2015 Dec;30(10):1056–9. PubMed #26388173"... indagare gli effetti della rotazione dell'anca e dell'angolo del ginocchio sull'allungamento del tensore della fascia lata, durante lo stretching in vivo usando l'elastografia..." TORNA AL TESTO

11. Fredericson M, White JJ, Macmahon JM, Andriacchi TP. Quantitative analysis of the relative effectiveness of 3 iliotibial band stretches. Arch Phys Med Rehabil. 2002;83(5):589–592 "L'aggiunta dell’estensione del braccio al comune stretching della banda IT può incrementare l'allungamento medio della banda ... in corridori d'élite sulla distanza." Non è che possiamo effettivamente cambiare la lunghezza della banda IT ... TORNA AL TESTO

12. Falvey EC, Clark RA, Franklyn-Miller A, et all. Iliotibial band syndrome: an examination of the evidence behind a number of treatment options. Scand J Med Sci Sports. 2010 Aug;20(4):580–7. PubMed #19706004TORNA AL TESTO

13. Molte persone metteranno ragionevolmente in discussione il valore di uno studio di dissezione, così diverso dal corpo vivente! Tuttavia, la rilevanza clinica degli studi sui cadaveri varia a seconda del contesto. Certamente molti aspetti possono essere compresi dalla dissezione. In questo caso, stiamo esaminando esclusivamente se una struttura anatomica può essere allungata o meno quando viene tirata. Non è un test dell'efficacia dell'allungamento nel mondo reale, ma della meccanica e dell'anatomia dell’allungamento. Se un allungamento passivo ben eseguito non allunga la banda IT in un cadavere, è probabile che una persona vivente possa fare di meglio? Le bande IT vive rispondono in modo molto diverso nell'essere allungate? Ne dubito.
Il risultato è anche coerente con molte altre prove e altri aspetti dell'anatomia della struttura, stabiliti in questo e in altri studi, in particolare che è ancorata in gran parte della sua lunghezza al femore. Non è una struttura "allungabile". Questo può essere stabilito, probabilmente meglio, anche su un cadavere come nei vivi.
Quindi possiamo decidere cosa fare - cioè, quali implicazioni cliniche sorgono - ma i fattori biomeccanici sono difficili da discutere La risposta secondo cui "è solo uno studio di dissezione" è un modo conveniente per smaltire prove scomode e sfiancanti. Ma gli studi di dissezione hanno un loro posto e sono adatti per determinare le cose proprio così, ed è per questo che sono fatti. TORNA AL TESTO

14. Wilhelm M, Matthijs O, Browne K, et all. Deformation Response of the Iliotibial Band-Tensor Fascia Lata Complex to Clinical-Grade Longitudinal Tension Loading in-Vitro. Int J Sports Phys Ther. 2017 Feb;12(1):16–24. PubMed #28217413PainSci #53506.
Questo è uno studio in vitro dell'effetto di tirare una banda IT dissezionata, rimossa da un cadavere. Che non è necessariamente una cosa inutile (gli esperimenti in vitro hanno una loro logica), ma in questo caso la banda IT è stata aggressivamente raccolta: completamente rimossa dal suo complesso contesto anatomico, pulita, congelata, riscaldata a 20 °C, e quindi allungata a macchina ... anche se possiamo imparare cose da questo, è importante sottolineare che le differenze dalla realtà biologica e clinica qui sono molto ampie.
Il sommario del documento "pubblicizza" un effetto statisticamente significativo dell'estensione della macchina su una banda IT asportata ... ma non un effetto clinicamente significativo. Riferiscono un allungamento di pochi millimetri. Nel testo principale, ammettono che "i risultati dello studio corrente sono in accordo con quelli di Falvey et al. che dimostrano un allungamento minimo della banda IT "! (Falvey et al. È il documento più citato per sostenere che la banda IT non può essere significativamente estesa, e questo documento è "in accordo" con esso, dimostrando "stretching minimo").
Scrivono anche: "è improbabile che ... l'allungamento clinico produca una deformazione permanente della banda IT." Quindi, al contrario, nonostante le apparenze superficiali, questo documento rafforza il punto che lo stretching della banda IT è futile.
Ho avuto una risatina da questo: "Mentre il tessuto utilizzato per la presente analisi è stato raccolto da campioni di soggetti che erano più vecchi [N.d.r: intesi come età] rispetto alle persone che nella realtà, probabilmente, svilupperebbero dolore ITB, per i test è difficile ottenere campioni di tessuto cadaverico da una popolazione più giovane [N.d.r: meno male]".  TORNA AL TESTO

15. Di gran lunga il risultato più chiaro della scienza del dolore del 21° secolo è che il dolore cronico è aggressivamente multifattoriale, ed ha normalmente una forte componente di sensibilizzazione centrale: un sistema nervoso centrale paranoico iperreattivo che produce un allarme più forte, più lungo (dolore) in reazione a problemi sempre meno reali nel tessuto. Tutto ciò che "rassicura" il cervello e lo convince che non esiste un pericolo reale, e quindi non c'è bisogno di dolore, può essere molto utile. Non c'è alcuna prova diretta che lo stretching possa aiutare la ITBS con questo meccanismo, ma il fenomeno della sensibilizzazione centrale è molto ben riconosciuto, ed è più plausibile dell'idea che lo stretching possa causare un cambiamento utile nella banda IT. TORNA AL TESTO



Tratto da: https://www.painscience.com/articles/iliotibial-band-syndrome-stretch.php


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.