03 Mar 2018
SICUREZZA DELLE BEVANDE ENERGETICHE
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 03 Marzo 2018

ACSM annuncia nuove raccomandazioni e avvertenze sulla sicurezza delle bevande energetiche


L'American College of Sports Medicine (ACSM) ha rilasciato 

una nuova dichiarazione ufficiale riguardante le bevande energetiche, pubblicata oggi nella rivista clinica del college Current Sports Medicine Reports. "Energy Drinks: A Contemporary Issues Paper" fornisce utili indicazioni e avvertenze su queste bevande, a causa dei pericoli che presentano per le popolazioni a rischio, in particolare i bambini, che sono i più vulnerabili, e l'obiettivo degli sforzi del marketing.

John Higgins, MD, FACSM, ha dichiarato "Le bevande energetiche sono estremamente popolari e le preoccupazioni sul loro consumo giungono da ogni settore della società, motivo per cui abbiamo pubblicato queste raccomandazioni."  "La nostra analisi della scienza disponibile ha dimostrato che livelli eccessivi di caffeina, presenti nelle bevande energetiche, possono avere effetti nocivi sui sistemi cardiovascolari, neurologici, gastrointestinali, renali ed endocrini, oltre che sui sintomi psichiatrici. È necessario fare di più per proteggere bambini ed adolescenti, così come gli adulti con patologie cardiovascolari o di altro tipo."

Le bevande energetiche sono infusi con alto contenuto di caffeina che spesso contengono una miriade di vitamine, minerali, amminoacidi e miscele di erbe. In qualità di autorità mondiale per la medicina sportiva, la scienza degli esercizi e la promozione della sicurezza dei partecipanti, l'ACSM si concentra sulla promozione di alte prestazioni, proteggendo al contempo chi gareggia nell'atletica o si cimenta in altre forme di attività fisica. Pubblicando le nuove raccomandazioni, ACSM aiuta i consumatori a comprendere i rischi associati al consumo rapido ed eccessivo di bevande energetiche.

"Se usate in modo sicuro e con moderazione, le bevande energetiche possono avere alcuni effetti a breve termine, che aumentano le prestazioni. Tuttavia, i fruitori sono generalmente inconsapevoli delle molte potenziali reazioni degli effetti avversi che potrebbero verificarsi a lungo termine, alcuni dei quali sono piuttosto gravi", ha affermato Higgins. Incoraggiamo fortemente i consumatori, i genitori, i medici, i preparatori atletici, i personal trainer e gli allenatori a seguire queste raccomandazioni."

Le raccomandazioni principali dell’ACSM si concentrano su quattro punti chiave:

Protezione dei bambini a rischio: i bambini e gli adolescenti sembrano essere particolarmente esposti al rischio di complicanze dovute alle bevande energetiche a causa delle loro ridotte dimensioni corporee, essendo consumatori relativamente infrequenti ed ignari sulla quantità della caffeina e dei suoi effetti, nonché sui modelli di consumo, potenzialmente pesanti e frequenti. Il messaggio che queste bevande non sono destinate ai bambini deve essere rafforzato e ampiamente diffuso.

Fermare il marketing per i gruppi a rischio, in particolare i bambini: il marketing non dovrebbe fare appello alle popolazioni vulnerabili. Attualmente, i produttori di bevande energetiche pubblicizzano su siti web, social media e canali televisivi, che sono molto attraenti per bambini e adolescenti. Il marketing destinato al divertimento e ad altri eventi che coinvolgono bambini e adolescenti non dovrebbe essere consentito.

Non utilizzare bevande energetiche prima, durante o dopo un intenso esercizio fisico: indipendentemente dal livello di salute e fitness e fino a quando non saranno disponibili dati sulla sicurezza e sull'efficacia, le bevande energetiche dovrebbero essere evitate prima, durante o dopo attività faticose. Alcune delle morti, presumibilmente a causa di bevande energetiche, si sono verificate quando una persona ha consumato queste bevande prima e/o dopo aver svolto attività faticose.

Più dati e istruzioni e sono necessari: investire in consapevolezza e risorse educative che evidenzino i potenziali effetti negativi e l'uso sicuro delle bevande energetiche. Dovrebbero essere fatti sforzi significativi per educare i consumatori sulle differenze chiare e presenti tra soda, caffè, bevande sportive e bevande energetiche. Anche l'educazione alle bevande energetiche dovrebbe essere una priorità nei programmi scolastici relativi all'alimentazione, alla salute e al benessere.

Un programma di ricerca deve essere sviluppato per dare priorità alle domande chiave sugli effetti acuti e cronici del consumo di bevande energetiche. Come minimo, gli studi standard di sicurezza ed efficacia dovrebbero essere eseguiti dai produttori e presentati alla FDA [N.d.r.: Food and Drug Ammnistration]. È necessaria una ricerca ben progettata e controllata, per esaminare la crescente frequenza di eventi avversi, segnalati dai dipartimenti di emergenza.

Gli operatori sanitari devono parlare con i loro pazienti sull'uso delle bevande energetiche e segnalare eventi avversi alle agenzie di controllo, come i centri antiveleni, la commissione sulla sicurezza dei prodotti dei consumatori e la FDA. Dovrebbe essere istituito un registro nazionale per monitorare specificamente gli effetti collaterali delle bevande energetiche, con obblighi di segnalazione obbligatoria.

Altre raccomandazioni specifiche:

  • non dovrebbero essere consumate da bambini o adolescenti;
  • non dovrebbero essere consumate da altre popolazioni vulnerabili, incluse donne in gravidanza o che allattano, chi ignora gli effetti della caffeina o individui sensibili con patologie cardiovascolari o mediche;
  • non dovrebbero essere usate per l'idratazione sportiva;
  • non devono essere mescolate con l'alcol;
  • dovrebbero recare un'etichetta come "High Source of Caffeine" [N.d.r.: Alto contenuto di caffeina] o "Do Not Mix with Alcohol" [N.d.r.: Non mescolare con l’alcol].

8 febbraio 2018 

[N.d.r.: 5 marzo 2018 - In GB vietate le bevande energetiche agli under 16]

Sommario e conclusioni della pubblicazione sopra riportata.
Sin dal 1987, data della loro introduzione, le bevande energetiche sono diventate sempre più popolari ed il mercato è cresciuto ad un ritmo esponenziale con un'industria globale multimiliardaria. Giovani, studenti, impiegati, atleti, guerrieri del fine settimana e membri delle forze armate, frequentemente consumano bevande energetiche. Sia gli operatori sanitari, sia i consumatori, devono conoscere la differenza tra bevande energetiche, bevande tradizionali (ad es. caffè, tè, bibite/soda, succhi di frutta) e bevande sportive. Le ricerche sulla sicurezza e sull'efficacia delle bevande energetiche è spesso contraddittoria, a causa dei diversi protocolli e dei tipi di prodotti consumati: ciò rende difficile trarre conclusioni definitive. Inoltre, gran parte della letteratura disponibile è sponsorizzata dall'industria. Dopo le segnalazioni di eventi avversi associati al consumo di bevande energetiche, sono state sollevate preoccupazioni in merito alla loro sicurezza, tra cui problemi di sonno, ansia, eventi cardiovascolari, convulsioni e persino la morte. Questo articolo si concentrerà sulle bevande energetiche, i loro ingredienti, gli effetti collaterali associati al loro consumo e sulle raccomandazioni suggerite, che richiedono istruzione, azioni regolatorie, cambiamenti nel marketing e ulteriori ricerche.


Conclusioni
Le bevande energetiche sono frequentemente consumate e ci sono segnalazioni di morbilità e mortalità associate al loro consumo. In particolare le persone note per essere più suscettibili agli eventi avversi, includono quelle di giovane età, di bassa statura, consumatori infrequenti o sensibili alla caffeina, donne incinte o che allattano, quelle con particolari condizioni mediche e/o che assumono determinati farmaci, che consumano più bevande energetiche in una sessione e quelle con malattie cardiovascolari o di altro tipo. D'importanza cruciale, i bambini e gli adolescenti sembrano essere particolarmente esposti al rischio di complicanze dovute alle bevande energetiche a causa delle loro piccole dimensioni corporee, essendo consumatori relativamente infrequenti ed ignari sulla quantità della caffeina e dei suoi effetti, nonché sui modelli di consumo, potenzialmente pesanti e frequenti. Il messaggio che queste bevande non sono destinate ai bambini deve essere rafforzato e ampiamente diffuso. Sebbene la maggior parte degli adulti sani possa consumare una bevanda energetica senza significativi effetti negativi acuti sulla salute, gli effetti a lungo termine del consumo continuativo non sono stati ben studiati. Abbiamo riassunto le informazioni disponibili relative alle bevande energetiche e ai loro eventi avversi, e abbiamo fornito raccomandazioni che speriamo possano contribuire a migliorare la salute ed il benessere del pubblico in generale, e informarlo dei possibili pericoli associati al consumo di bevande energetiche.



Tratto da: http://www.acsm.org/read-research/newsroom/news-releases/news-detail/2018/05/15/energydrinks


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.