11 Dic 2019
SINDROME COMPARTIMENTALE (SHIN SPLINT) - NESSUNA PRESSIONE!
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 11 Dicembre 2019

Nessuna pressione! La sindrome compartimentale potrebbe non essere ciò che sembra

La sindrome compartimentale è un doloroso accumulo di pressione, potenzialmente pericoloso, all'interno di un compartimento del corpo

formato dal tessuto connettivo - il "bendaggio a salsiccia" attorno a un muscolo o ad un gruppo di muscoli. Questo di solito si verifica nelle parti inferiori delle gambe come reazione alle lesioni. Quando è acuto, è pericoloso - non ignorare mai l'aumento costante del dolore alla gamba, soprattutto se la gamba sembra gonfia.

gif no pressureUna forma più mite e cronica spesso affligge i podisti. Ad esempio, è una delle cause principali del dolore testardo alla tibia. Questa è una descrizione di base di un disturbo "meccanico" apparentemente semplice. Ma nella medicina muscoloscheletrica niente è semplice...

Nessuna pressione!

Ci sono problemi con le ipotesi comuni sulla sindrome compartimentale, quella principale è la pressione. Nel 2014, in modo convincente, Franklyn-Miller et all hanno argomentato, sul British Journal of Sports Medicine, che un'eccessiva pressione del compartimento non sembra essere coinvolta:
Ad oggi, non esistono prove conclusive per dimostrare il danno cellulare ipossico o la ridotta perfusione capillare ... nessuna evidenza di un'associazione diretta tra questo aumento della pressione del compartimento ed il dolore, nonché la ridotta funzione muscolare.

In realtà, non è nemmeno chiaro se, innanzitutto, siamo in grado di misurare la pressione nel compartimento muscolare. Ci sono alcune preoccupazioni con un articolo classico sull'argomento, e "ci sono chiare prove che la misurazione della pressione intercompartimentale non dovrebbe più essere considerata un valido strumento diagnostico per la sindrome compartimentale".

È possibile che esista solo la sindrome compartimentale acuta - l'unica condizione che comporta un'eccessiva pressione - e la versione cronica è solo qualcos'altro. Potrebbe essere stata fraintesa ed etichettata in modo errato per tutto questo tempo.

Quindi, se non è la pressione, allora cos’è?

Franklyn-Miller et all [N.d.r.: PDF dello studio] propongono una sindrome da sovraccarico muscolare causata da una cattiva postura di corsa (esagerata battuta del tallone):
Le sindromi da sovraccarico muscolare eccessivo non sono nuove. Esse sono ben descritte in letteratura, in modo significativo nei musicisti e negli impiegati (sindrome da abuso di lavoro), e c'è una chiara sinergia con i fattori predisponenti nell'esercizio ripetitivo: aumento della frequenza e intensità, o carico di lavoro e abitudine, ed alterata biomeccanica degli arti a seguito di un limitato intervento riabilitativo. Riteniamo che nei pazienti con dolore alle gambe correlato da sforzo ai compartimenti miofasciali, stiamo semplicemente osservando un fenomeno esaminato comunemente in altri gruppi di pazienti; quello del sovraccarico muscolare. Poiché l'eziologia di questi pazienti è biomeccanica, abbiamo descritto la loro condizione come una "sindrome da sovraccarico biomeccanico" (BOS).

Quindi la loro opinione su ciò che sta realmente accadendo, è fondamentalmente il dolore dei muscoli dolorosamente esausti ed irritati.

— • — • •—

Questo post è un estratto adattato da un importante aggiornamento del libro sulle sindromi compartimentali [N.d.r.: la cui introduzione abbiamo tradotto]. Nel libro, approfondisco la sindrome compartimentale e le implicazioni di Franklyn-Miller et all.

paul 1 xxs
Paul Ingraham - 17 luglio 2018

 

Articolo correlato
SINDROME TIBIALE MEDIALE (Shin Splint)



Tratto da:
https://www.painscience.com/microblog/no-pressure-compartment-syndrome-may-not-be-what-it-seems.html


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.