21 Dic 2019
EFFETTO DEI FANS SUL RECUPERO DA LESIONI MUSCOLOSCHELETRICHE ACUTE
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 21 Dicembre 2019

Effetto dei FANS sul recupero da lesioni muscoloscheletriche acute: revisione sistematica e meta-analisi

"Possiamo mandare un uomo sulla luna", ma non sappiamo ancora se i farmaci antinfiammatori

non steroidei (FANS), come l'ibuprofene, abbiano benefici diversi dal sollievo del dolore per il tessuto muscolare ferito (principalmente dolore dopo l'esercizio). È anche possibile che compromettano la guarigione sopprimendo gli aspetti dell'infiammazione che sono necessari per la guarigione medesima.
gif fans ingraham Questa revisione di 41 pertinenti articoli scientifici, il primo nel suo genere, ha concluso che i FANS possono causare, nel breve termine, una diminuzione “da piccola a media” dei diversi sintomi delle lesioni, rispetto al recupero senza FANS. Curiosamente, l'effetto è più pronunciato per la parte inferiore del corpo.

Stranezza: la compromissione del recupero è stata osservata solo negli animali.

La maggior parte degli studi esaminati presentava un basso rischio di difetti metodologici, il che è un po’ insolito nella medicina muscoloscheletrica. Tuttavia, gli otto studi che avevano un rischio maggiore di questi difetti, spiegano una parte sostanziale del beneficio rilevato. Eliminati, il risultato positivo inizia a sembrare decisamente insignificante: un effetto minore, a margine del significato statistico. Probabilmente, quegli studi non avrebbero dovuto essere inclusi affatto nell’indagine.

Quindi, la domanda non sembra ancora avere una risposta chiara. I vantaggi sono imprevedibili e/o al minimo modesti.


Riferimento 
Morelli KM, Brown LB, Warren GL. Effect of NSAIDs on Recovery From Acute Skeletal Muscle Injury: A Systematic Review and Meta-analysis. Am J Sports Med. 2017 Mar:363546517697957. PubMed #28355084.

Sommario originale ()
Premessa: si discute se l'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sia benefico dopo un’acuta lesione muscoloscheletrica. Alcuni studi hanno suggerito che l'uso dei FANS potrebbe essere dannoso per i muscoli feriti.

Scopo: determinare se l'uso dei FANS influisce sul recupero da lesioni muscoloscheletriche, valutato dalla perdita di forza, dolore e/o livello di creatina chinasi nel sangue.

Progettazione dello studio: revisione sistematica e meta-analisi.

Metodi: una vasta revisione sistematica è stata effettuata ricercando in 16 database (ad es. PubMed, Cochrane Library, EMBASE). I criteri di inclusione/selezione erano (1) danno acuto al muscolo scheletrico, (2) presenza di una condizione di controllo, (3) certezza della dose dei FANS somministrati e (4) l’uso di una o più delle tre misure del risultato ricercato. Sono stati esaminati in totale 5343 rapporti di studio, di cui 41 sono stati ritenuti idonei per l'inclusione. La differenza standardizzata della media è stata utilizzata come dimensione dell'effetto (ES) ed è stata calcolata in modo tale che un ES positivo indica l'efficacia dei FANS. Le meta-analisi sono state eseguite utilizzando un modello a effetti casuali.

Risultati: per tutti gli studi, i tempi dopo la lesione, e i marker combinati di lesione, è stato riscontrato che l'uso dei FANS provoca una significativa riduzione, da piccola a media, dei marker di lesione (in generale ES = +0,34; P = 0,0001). Pioché, nell'eterogeneità dello studio ES era evidente (cioè Q-df = 52.4, P = 0,000005; I(2) = 57%), sono state eseguite meta-analisi e meta-regressioni del sottogruppo, nel tentativo di spiegare l'eterogeneità. Negli studi sull'uomo, gli ES erano più alti quando i muscoli della parte inferiore del corpo erano feriti (P = 0,045). Negli studi sugli animali, gli ES erano più bassi con periodi di somministrazione dei FANS più lunghi (P = 0,023) e con tempi di follow-up più lunghi dopo la lesione (P = 0,010).

Conclusioni: complessivamente, la nostra analisi supporta, per l'uomo, l'uso dei FANS per ridurre la perdita di forza, il dolore e il livello di creatina chinasi nel sangue dopo una lesione muscolare acuta, almeno nel breve periodo. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare perché l'uso dei FANS sembra essere più efficace quando sono feriti i muscoli della parte inferiore del corpo umano. In un secondo momento, sarebbe anche importante determinare perché l'uso dei FANS appare dannoso nelle lesioni degli animali, ma non nell'uomo.

paul 1 xxs



Paul Ingraham
, 1 agosto '17

 

† Questo sommario potrebbe non corrispondere perfettamente all'originale, per una serie di motivi tecnici e pratici. Alcune parti, particolarmente prolisse, potrebbero essere qui troncate per i miei scopi. Occasionalmente aggiungo note di chiarimento e apporto alcune minori correzioni. TORNA AL TESTO



Tratto da: https://www.painscience.com/bibliography.php?morelli17


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.