10 Gen 2021
VIAGGIO TRA LE LESIONI DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 10 Gennaio 2021

Viaggio tra le lesioni del legamento crociato anteriore: una guida per i pazienti

Questo blog accompagna due infografiche - pubblicate

nel British Journal of Sports Medicine - che presentano le migliori prove disponibili, progettate con il contributo di persone che hanno subito lesioni al legamento crociato anteriore (ACL). Entrambi gli autori dell'infografica sono medici e ricercatori che lavorano con molte persone di tutte le età e livelli di sport, dopo un infortunio all’ACL. Queste infografiche sono progettate per essere utilizzate con il tuo medico, aiutano a guidare le tue decisioni e il processo di riabilitazione.
gif acl viaggio

Parte 1: decisione sul trattamento

Riunire la tua équipe di riabilitazione
Dopo un infortunio all’ACL, è normale sentirsi arrabbiati, depressi, frustrati e incerti sul proprio futuro (1). Innanzitutto, dovresti riunire i membri della tua équipe di riabilitazione per aiutarti a prendere decisioni, guidare la tua riabilitazione e mantenerti motivato. I membri della tua équipe possono includere professionisti dell'esercizio (ad esempio fisioterapisti), un chirurgo, un medico sportivo, il tuo allenatore, i tuoi compagni di squadra, la tua famiglia e i tuoi amici.

Iniziare subito la riabilitazione
Dovresti iniziare una riabilitazione di alta qualità immediatamente dopo un infortunio all’ACL (2). La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che dopo la lesione dell’ACL, la migliore linea di azione è cercare di ripristinare la normale funzione del ginocchio e ritardare la decisione di sottoporsi, o meno, a un intervento chirurgico, sino a dopo il periodo di riabilitazione (3).

Decidere se sottoporsi a un intervento chirurgico (o meno)
I pazienti più giovani e più attivi hanno maggiori probabilità di ferirsi nuovamente al ginocchio, ma questo probabilmente non è correlato al fatto che tu abbia subito, o meno, un intervento chirurgico (4, 5). Ad esempio, il ritorno agli sport di alto livello è associato a un rischio maggiore rispetto alla corsa in piano. Avere altre lesioni al ginocchio, contemporaneamente alla lesione dell‘ACL, come lesioni meniscali, è associato a esiti peggiori, ma ancora una volta la scelta di un intervento chirurgico non sembra influire su questo risultato (6, 7). Tuttavia, potrebbe essere necessario riparare alcune lesioni e questa sarà una decisione individuale. È importante discutere sui fattori come la tua età, altri infortuni e i tuoi piani per ritornare allo sport di alto livello, perché puoi parlare con la tua équipe di riabilitazione su come ridurre il rischio di lesioni future (8). Rimanere felici, sani e attivi è una considerazione chiave per chiunque abbia subito un infortunio all’ACL e questo può, o meno, comportare un intervento chirurgico.

Non ci sono prove chiare che la chirurgia sia superiore alla sola riabilitazione di alta qualità. C'è solo uno studio randomizzato pubblicato che confronta le due opzioni (9); questo non ha riportato differenze nel dolore, nella funzione o nel ritorno ai livelli di attività pre-infortunio a 1, 2 e 5 anni dopo una lesione dell’ACL (9). Le prove attuali suggeriscono che, a lungo termine, non c'è differenza nel numero di persone che sviluppano l'artrosi, tra coloro che hanno ricostruito chirurgicamente il loro ACL, e quelli non hanno subito l'intervento chirurgico (10). È chiaro che, a seguito di una lesione dell’ACL, alcune persone possono farcela senza intervento chirurgico (9, 10). Alcune persone potrebbero persino essere in grado di tornare a sport pivotanti [N.d.r.: che comportano spostamenti del ginocchio in tutte le direzioni] di alto livello senza una ricostruzione dell’ACL (11). Quando parli con la tua équipe di riabilitazione e prendi la tua decisione, ti consigliamo di considerare i seguenti aspetti:

  • Ho tutte le informazioni?
  • Quali sono i miei obiettivi?
  • Quali sono i miei valori? (Tempo con i bambini, giocare con gli amici).
  • Quali sono i rischi rispetto alle ricompense dall’aver subito un intervento chirurgico?
  • Sono ascoltato?
  • Mi è stato concesso abbastanza tempo per prendere questa decisione?


Parte 2: spiegazione della riabilitazione

Lavora duramente sulla tua riabilitazione
Che tu abbia subito o meno un intervento chirurgico, completare una riabilitazione di qualità è la chiave per ripristinare la normale funzione del ginocchio, prevenire ulteriori lesioni e ottimizzare la qualità della vita a lungo termine (2). Dovresti progredire attraverso un programma personalizzato, basato su criteri, che coinvolgono tre distinte "fasi" (inizio, metà e fine) (12). Gli esercizi che puoi pensare di eseguire in queste fasi sono i seguenti (ricorda di eseguire questi esercizi sotto la guida di un professionista):

È necessario lavorare sodo durante ciascuna fase per ottimizzare i risultati. Le persone con prestazioni funzionali migliori hanno minori possibilità di recidiva e migliori risultati a lungo termine, inclusi tassi più bassi di artrosi (13, 14, 15, 16).

Quando ritornare allo sport
Durante la fase finale della riabilitazione, le persone spesso affrontano una decisione difficile: quando si è pronti per ritornare allo sport? Alcune notizie che fanno riflettere è che il 56% delle persone non torna allo sport competitivo dopo un infortunio all’ACL (17). Inoltre, le prove suggeriscono che fino al 24% delle persone possono nuovamente infortunarsi al ginocchio dopo il ritorno allo sport, tuttavia questo rischio è significativamente ridotto nelle persone che hanno applicato importanti criteri per il ritorno allo sport (18). Puoi ottimizzare le tue possibilità di ritornare allo sport e ridurre il rischio di un nuovo infortunio considerando quanto segue:

  1. Applicati duramente nel corso della tua riabilitazione e, se possibile, lavora con un professionista qualificato che ti fornisca la guida più aggiornata.
  2. Dovresti aspettare almeno 9 mesi prima di ritornare allo sport se hai subito un intervento di ricostruzione dell’ACL (2). Più lunga è l'attesa, minori sono le possibilità di un nuovo infortunio. Se non hai subito una ricostruzione chirurgica, il periodo di tempo ottimale per ritornare allo sport non è chiaro, ma potresti anche essere in grado di ritornare allo sport prima.
  3. Prima di ritornare allo sport, dovresti includere l'allenamento specifico per lo sport come parte della tua riabilitazione e dovresti superare una serie di test di prestazione (es. Test di saltellamento) (1, 12, 18).
  4. Assicurati di essere confidente di poter ritornare allo sport prima di effettuare il ritorno (1). Il tempo e la qualità della riabilitazione possono aiutare la fiducia. In alcune circostanze, potrebbe essere utile consultare uno psicologo dello sport.

Come ridurre la probabilità di lesioni
I programmi di riduzione degli infortuni basati sull'esercizio possono ridurre l'incidenza delle lesioni all’ACL (19). Questi programmi sono importanti da intraprendere, indipendentemente dal fatto che tu abbia avuto un infortunio all’ACL o meno. Il completamento di questi programmi è una considerazione importante quando ti avvicini alle fasi finali del tuo percorso di riabilitazione ACL e dovrebbe essere al centro dei tuoi pensieri molto tempo dopo il ritorno allo sport. Ci sono molti programmi di riduzione degli infortuni tra cui scegliere, tra cui il programma FIFA 11+ [N.d.r.: ne abbiamo già parlato qui], il programma Netball KNEE, il Programma di Prevenzione Infortuni e Miglioramento delle Prestazioni (PEP) Program, ACTIVATE World Rugby, e può essere un momento difficile per scegliere l'opzione migliore per te e il tuo sport. Ci sono alcuni componenti chiave di programmi efficaci, tra cui il rafforzamento regolare e le sfide neuromuscolari come l'atterraggio e l’allenamento dell'agilità (19). Ricorda di coinvolgere il tuo allenatore e i tuoi compagni di squadra quando esegui questi programmi: è compito di tutti ridurre il rischio di infortuni.

Posted on December 22, 2020 by BJSM 
Authors: Connor P Gleadhill; Christian J Barton

Articoli correlati
GINOCCHIO

Riferimenti

  1. Ardern CL, Kvist J, Webster K. Psychological aspects of anterior cruciate ligament injuries. Operative Tech in Sports Med 2016;24:77-83. https://doi.org/10.1053/j.otsm.2015.09.006TORNA AL TESTO
  2. Filbay SJ, Grindem H. Evidence-based recommendations for the management of anterior cruciate ligament (ACL) rupture. Best Practice & Research Clin Rheum 2019;33:33-47. https://dx.doi.org/10.1016%2Fj.berh.2019.01.018.  TORNA AL TESTO
  3. Diermeier T, Rothrauff B, Engebretsen L et al. Treatment after Anterior Cruciate Ligament Injury: Panther Symposium ACL Treatement Consensus Group. The Orthop J Sports Med published online first June 24, 2020. https://doi.org/10.1177%2F2325967120931097.  TORNA AL TESTO
  4. Grindem H, Eitzen I, Engebretsen L. Nonsurgical or surgical treatment of ACL injuries: knee function, sports participation, and knee reinjury: The Delaware-Oslo Cohort Study. J Bone Joint Surg Am 2014;96(15):1233-1241. https://doi.org/10.2106/jbjs.m.01054.  TORNA AL TESTO
  5. Webster K, Feller J. Exploring the high reinjury rate in younger patients undergoing Anterior Cruciate Ligament reconstruction. Am J Sports Med 2016;44(11):2827-2832. https://doi.org/10.1177/0363546516651845TORNA AL TESTO
  6. Claes S, Hermie L, Verdonk R et al. Is osteoarthritis an inevitable consequence of anterior cruciate ligament reconstruction? A meta-analysis. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc 2013;21(9):1967-1976. https://doi.org/10.1007/s00167-012-2251-8TORNA AL TESTO
  7. Van Yperen D, Reijman M, van Es E et al. Twenty-year follow-up study comparing operative versus nonoperative treatment of anterior cruciate ligament ruptures in high-level athletes. Am J Sports Med 2018;46(5):1129-1136. https://doi.org/10.1177/0363546517751683.  TORNA AL TESTO
  8. Diermeier T, Rothrauff B, Engebretsen L et al. Treatment after anterior cruciate ligament injury: Panther Sympsosium ACL Treatment Consensus Group. Orthop J Sports Med published online first June 24 2020;https://doi.org/10.1177%2F2325967120931097.  TORNA AL TESTO
  9. Frobell RB, Roos HP, Roos EM et al. Treatment for acute anterior cruciate ligament tear: five year outcome of randomised trial. BMJ 2013;346:f232 https://doi.org/10.1136/bmj.f232.  TORNA AL TESTO
  10. Chalmers PN, Mall NA, Moric M et al. Does ACL reconstruction alter natural history; A systematic literature review of long-term outcomes. J Bone Joint Surg Am 2014;96A(4):292-300. https://doi.org/10.2106/jbjs.l.01713.  TORNA AL TESTO
  11. Weiler R, Monte-Colombo M, Mitchell A et al. Non-operative management of a complete anterior cruciate ligament injury in an English Premier League football player with return to play in less than 8 weeks: applying common sense in the absence of evidence. BMJ Case Rep 2015 Apr 26. https://doi.org/10.1136/bcr-2014-208012.  TORNA AL TESTO
  12. Van Melick N, van Cingel REH, Broojimans F et al. Evidence-based clinical practice update: practice guidelines for anterior cruciate ligament rehabilitation based on a systematic review and multidisciplinary consensus. Br J Sports Med 2016;50:1506-15. http://dx.doi.org/10.1136/bjsports-2015-095898.  TORNA AL TESTO
  13. Pinczewski LA, Lyman J, Salmon, LJ. A 10-year comparison of anterior cruciate ligament reconstructions with hamstring tendon and patellar tendon autograft: A controlled, prospective trial. Am J Sports Med 2007;35(4):564-574. https://doi.org/10.1177/0363546506296042.  TORNA AL TESTO
  14. Grindem H, Risberg MA, Eitzen I. Two factors that may underpin outstanding outcomes after ACL rehabilitation. Br J Sports Med Published Online First: 14 July 2015. http://dx.doi.org/10.1136/bjsports-2015-095194.  TORNA AL TESTO
  15. Toole AR, Ithurburn MP, Rauh MJ et al. Young athletes cleared for sports participation after anterior cruciate ligament reconstruction: How many actually meet recommended return-to-sport criterion cutoffs? J Orthop Sports Phys Ther 2017;47(11):825-833. https://doi.org/10.2519/jospt.2017.7227.  TORNA AL TESTO
  16. Patterson B, Culvenor A, Barton C et al. Poor functional performance 1 year after ACL reconstruction increases the risk of early osteoarthritis progression. Br J Sports Med 2020;54:546-553. http://dx.doi.org/10.1136/bjsports-2019-101503.  TORNA AL TESTO
  17. Ardern CA, Webster KE, Taylor NF et al. Return to sport following anterior cruciate ligament reconstruction surgery: a systematic review and meta-analysis of the state of play. Br J Sports Med 2011; 45: 596-606. http://dx.doi.org/10.1136/bjsm.2010.076364.  TORNA AL TESTO
  18. Grindem H, Snyder-Mackler L, Moksnes H et al. Simple decision rules can reduce reinjury risk by 84% after ACL reconstruction: the Delaware-Oslo ACL cohort study. Br J Sports Med 2016;50:804-808. http://dx.doi.org/10.1136/bjsports-2016-096031.  TORNA AL TESTO
  19. Arundale AJH, Bizzini M, Giordano A et al. Exercise-based knee and anterior cruciate ligament injury prevention clinical practice guidelines linked to the international classification of functioning, disability and health from the Academy of Orthopaedic Physical Therapy and the American Academy of Sports Physical Therapy. J Orthop Sports Phys Ther 2018;48:A1-A42. https://doi.org/10.2519/jospt.2018.0303.  TORNA AL TESTO



Tratto da: https://blogs.bmj.com/bjsm/2020/12/22/the-acl-injury-journey/


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.