11 Ott 2015
COME DETERMINARE IL LATTATO / SOGLIA ANAEROBICA
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 11 Ottobre 2015

Come determinare il lattato / soglia anaerobica

Ci sono diversi metodi utilizzati per determinare i livelli di lattato degli atleti o la soglia anaerobica.

Anche se il metodo più accurato e affidabile è quello della valutazione diretta dei campioni di sangue durante un test da sforzo graduale, questo è spesso inaccessibile alla maggior parte degli individui.

Ci sono diverse prove sul campo che possono essere utilizzate per stimare la soglia del lattato. Esse variano in affidabilità, ma alcune offrono un'alternativa accettabile per la maggior parte degli atleti dilettanti.

Diversi termini, come "inizio di accumulo del lattato nel sangue" e "stato stazionario massimale del lattato", sono usati in modo intercambiabile con la soglia anaerobica. Tecnicamente, essi non descrivono esattamente la medesima cosa.

Infatti, anche se la soglia del lattato e la soglia anaerobica si presentano insieme in diverse condizioni, strettamente parlando, questi due termini non sono uguali (1). Per questo articolo però, soglia del lattato e soglia anaerobica saranno usati in modo intercambiabile. Vedi l'articolo soglia del lattato per maggiori dettagli su questo argomento.

È anche opportuno ricordare che il lattato nel sangue e l'acido lattico non sono la medesima sostanza. La produzione di lattato nel sangue è attualmente ritenuta benefica per le performance di resistenza e può ritardare la stanchezza. Tuttavia, il suo accumulo rimane ancora un buon indicatore per l'insorgenza della fatica. Vedi l'articolo acido lattico per ulteriori informazioni.

Test di laboratorio per la soglia anaerobica

Il modo più accurato per determinare la soglia del lattato è tramite un test da sforzo graduale in un ambiente di laboratorio (2). Durante il test la velocità o la resistenza di un tapis roulant, un cicloergometro o un ergometro di canottaggio, è aumentata ad intervalli regolari (ad es. ogni 1 min, 3 min o 4 min) e i campioni di sangue sono prelevati ad ogni incremento. Molto spesso il VO2max, la frequenza cardiaca massima ed altri parametri fisiologici cinetici sono misurati durante la medesima prova (3).

Il lattato nel sangue viene poi riportato su grafico per ciascun intervallo del carico di lavoro, per descrivere la curva del lattato in funzione della performance. Di solito anche la frequenza cardiaca è registrata ad ogni intervallo, spesso con un elettrocardiogramma, che è più accurato di un cardiofrequenzimetro standard.

blog lattato 01

Una volta che la curva del lattato è stata tracciata, la soglia anaerobica può essere determinata. Un aumento improvviso, o brusco, della curva sopra il livello base è ritenuto l'indicatore della soglia anaerobica. Tuttavia, da un punto di vista pratico, questo improvviso aumento o deflessione, è spesso difficile da individuare.

Supponendo che la deflessione sia netta (come nel grafico soprastante), la relativa velocità, o il carico di lavoro al quale si verifica, può essere determinata. Nell’esempio, la soglia anaerobica avviene a circa 12 km/h. In teoria ciò significa che si possa mantenere un ritmo a questa velocità, o appena al di sotto, per un periodo indefinitamente prolungato. Naturalmente, questo è puramente ipotetico in quanto vi sono molti altri fattori coinvolti nella fatica, non ultima la quantità di carboidrati che un atleta ha immagazzinato (1). L'utilizzo dei grassi come fonte energetica (n.d.r. anzichè i carboidrati, ovvero il glicogeno) riduce significativamente il ritmo di gara gli atleti (2). Registrando i dati della frequenza cardiaca al fianco dei livelli di carico di lavoro e del lattato nel sangue, un atleta può utilizzare la frequenza cardiaca per pianificare le sessioni di allenamento. Sebbene il monitoraggio della frequenza cardiaca non sia mai completamente affidabile e varia fortemente tra e negli individui (1, 2, 3), combinandolo con le misurazioni del lattato è probabilmente più affidabile rispetto all’uso del test di Conconi (vedi sotto).

Prova di conferma

Quando la soglia anaerobica è dedotta dalla curva del lattato, un ulteriore test può essere utilizzato per verificarne l'esattezza. Utilizzando l'esempio precedente, la soglia degli atleti sembra manifestarsi a circa 12 km/h sul tapis roulant. Il test di conferma prevede la corsa per 15 minuti ad un ritmo appena sotto soglia, 15 minuti alla soglia, e 15 minuti ad un ritmo appena superiore alla soglia. Vedi le curve sottostanti di tre atleti le cui soglie sono state tutte determinate, approssimativamente, a circa 12 km/h.

blog lattato 02
Da osservare che per l’Atleta 1, il lattato nel sangue rimane stazionario alla sua soglia anaerobica stimata (12 km/h) ed inizia ad accumularsi quando il ritmo è aumentato a 13 km/h negli ultimi 15 minuti. Per l’Atleta 1, questa è la conferma che il ritmo corrispondente alla sua soglia anaerobica è ragionevolmente accurato.

Per l’Atleta 2, il lattato comincia ad accumularsi durante il segmento centrale di 15 minuti (la soglia stimata) e continua durante gli ultimi 15 minuti. Per questo atleta, la soglia anaerobica avviene ad un ritmo leggermente più lento di quanto determinato in origine.

Infine, per l’Atleta 3 la curva del lattato non aumenta in modo significativo anche durante il segmento finale di 15 minuti. La soglia anaerobica avviene ad un ritmo leggermente superiore di quanto originariamente stabilito.

Supponendo di non avere accesso ad attrezzature professionali che possano testare direttamente l'atleta per valutarne la curva del lattato, ci sono altre alternative accettabili?

Analizzatori portatili del lattato

Gli analizzatori portatili del lattato stanno diventando sempre più popolari tra gli allenatori e gli atleti a tutti i livelli. Un buon analizzatore portatile deve avere la stessa validità e affidabilità delle attrezzature di laboratorio. L’analizzatore del lattato Accutrend, per esempio, è stato testato utilizzando le linee guida del Comitato Europeo per gli Standard Clinici e di Laboratorio ed è autorizzato, negli Stati Uniti, per l'uso nella medicina sportiva dalla Federal Drug Administration.

Comprensibilmente un analizzatore portatile è solo una metà dell'equazione. Un test da sforzo adeguato e specifico per ciascuno sport è ancora necessario e la selezione del protocollo più appropriato richiede conoscenza ed esperienza. Qualsiasi test fisiologico è tanto affidabile quanto più l'atleta è capace di rispettare il protocollo selezionato. Anche quando è stata scelta una valutazione adatta, numerose variabili devono essere mantenute costanti per la prova, affinché questa sia accurata ed affidabile. Vedi la sezione prove di idoneità per le linee guida su come mantenere le valutazioni fisiologiche ripetibili e i test a campione che possono essere utilizzati per vari sport.

Test di Conconi

Nel 1982 Conconi e coll. (4) affermarono che la soglia anaerobica è correlata ad un punto di deflessione della frequenza cardiaca. Normalmente la frequenza cardiaca e l'intensità dell'allenamento hanno un rapporto lineare, cioè come l'intensità dell'esercizio aumenta così fa la frequenza cardiaca. Tuttavia, Conconi e coll. trovarono che in tutti i loro soggetti testati (5) la frequenza cardiaca raggiungeva un plateau (ovvero rimaneva costante) ad una intensità di esercizio molto vicina al massimo.

Anche se questo è un test relativamente semplice, potenzialmente utile per gli allenatori e gli atleti a tutti i livelli, la sua accuratezza è stata contestata dai ricercatori successivi (6, 7, 8). Gli studi hanno trovato che il punto di deflessione, o plateau della frequenza cardiaca, si verifica solo in un certo numero di individui e che, quando questo si verifica, sovrastima significativamente la soglia del lattato misurato direttamente.

Conconi e coll. (9) riconoscono questa controversia e citano sia studi che supportano, sia che contraddicono i loro risultati originali.

Per istruzioni su come eseguire il test di Conconi vedi la pagina di allenamento della frequenza cardiaca.

Test Pratici (10 km di corsa, 30 km in bicicletta)

Gli atleti più esperti spesso corrono una gara di 10 km, o 30 km in bicicletta, in corrispondenza o vicino alla soglia anaerobica. La soglia anaerobica può essere determinata simulando una gara di allenamento e registrando la frequenza cardiaca. In alternativa, può essere utilizzato l'esercizio per 30 minuti al ritmo più veloce sostenibile. Lo scopo è quello di mantenere un ritmo costante, che è il motivo per cui questo test è più adatto per gli atleti esperti, che possono valutare la velocità da mantenere. Un cardiofrequenzimetro con la funzione di misura del tempo parziale è richiesto per registrare la frequenza cardiaca ad intervallo di ogni minuto. La frequenza cardiaca media nel corso degli ultimi 20 minuti sarà quella corrispondente alla soglia anaerobica.

Frequenza cardiaca percentuale

Un metodo molto semplice per stimare la soglia anaerobica è di considerare che questa avvenga all’85-90 % della frequenza cardiaca massima (220 - età). Come accennato in precedenza, la frequenza cardiaca varia fortemente tra gli individui ed anche nel medesimo individuo, così che questo non è un test affidabile.

Il dibattito sulla soglia del lattato

Alcuni ricercatori hanno messo in dubbio la validità della determinazione della soglia anaerobica o del lattato, anche in laboratorio (10, 11).

Sempre più ricercatori si chiedono se un punto preciso o una soglia esistono (10, 12, 13, 14). Alternativamente, essi suggeriscono che l'accumulo di lattato nel sangue sia continuo in natura, e nessun punto specifico può essere determinato.

Invece di perderci nel dibattito è ragionevole ricordare che, indipendentemente dai meccanismi alla base, i cambiamenti fisiologici che accompagnano l'accumulo di lattato hanno importanti implicazioni per gli atleti di resistenza. Qualsiasi ritardo nell’accumulo di lattato nel sangue, che può essere raggiunto attraverso l’allenamento, è vantaggioso per le prestazioni.


Articoli correlati
ACIDO LATTICO, LATTATO NEL SANGUE E IL MITO DELL'ACIDO
LA SOGLIA DEL LATTATO
ALLENAMENTO PER LA SOGLIA DEL LATTATO
L’ACIDO LATTICO NON È IL VELENO DELL'ATLETA MA UNA SORGENTE DI ENERGIA


Riferimenti

1) Wilmore JH and Costill DL. (2005) Physiology of Sport and Exercise: 3rd Edition. Champaign, IL: Human Kinetics
2) McArdle WD, Katch FI and Katch VL. (2000) Essentials of Exercise Physiology: 2nd EditionPhiladelphia, PA: Lippincott Williams & Wilkins
3) Maud PJ and Foster C (eds.). (1995) Physiological Assessment Of Human Fitness. Champaign, IL: Human Kinetics
4) Conconi, F., M. Ferrrari, P. G. Ziglio, P. Droghetti, and L. Codeca. Determination of the anaerobic threshold by a noninvasive field test in runners. J. Appl. Physiol.1982, 52: 862-873
5) Ballarin, E., C. Borsetto, M. Cellini, M. Patracchini, P. Vitiello, P. G. Ziglio, and F. Conconi. Adaptation of the "Conconi test" to children and adolescents. Int. J. Sports Med.1989, 10: 334-338
6) Parker, D., R. A. Robergs, R. Quintana, C. C. Frankel, and G. Dallam. Heart rate threshold is not a valid estimation of the lactate threshold. Med. Sci. Sports Exerc.1997, 29: S235
7) Tokmakidis, S. P., and L. A. Leger. Comparison of mathematically determined blood lactate and heart rate "threshold" points and relationship to performance. Eur. J. Appl. Physiol.64: 309-317
8) Vachon JA, Bassett Jr DR and Clarke S. Validity of the heart rate deflection point as a predictor of lactate threshold during running. J Appl Physiol.1999, 87: 452-459
9) Conconi, F., G. Grazze, I. Casoni, C. Guglielmini, C. Borsetto, E. Ballarin, G. Mazzoni, M. Patracchini, and F. Manfredini. The Conconi test: methodology after 12 years of application. Int. J. Sports Med.1996, 17: 509-519
10) Yeh MP, Gardner RM, Adams TD, Yanowitz FG, Crapo RO. "Anaerobic threshold": problems of determination and validation. J Appl Physiol.1983, Oct;55(4):1178-86
11) Gladden LB, Yates JW, Stremel RW, Stamford BA. Gas exchange and lactate anaerobic thresholds: inter- and intraevaluator agreement. J Appl Physiol.1985 Jun;58(6):2082-9
12) Hughson RL, Weisiger KH, Swanson GD. Blood lactate concentration increases as a continuous function in progressive exercise.J Appl Physiol.1987 May;62(5):1975-81
13) Campbell ME, Hughson RL, Green HJ. Continuous increase in blood lactate concentration during different ramp exercise protocols. J Appl Physiol.1989 Mar;66(3):1104-7
14) Dennis SC, Noakes TD, Bosch AN. Ventilation and blood lactate increase exponentially during incremental exercise. J Sports Sci.1993 Oct;11(5):371-5; discussion 377-8

 



Articolo tratto da: http://www.sport-fitness-advisor.com/anaerobicthreshold.html


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o la trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.