01 Mag 2016
DOMS - DOLORE MUSCOLARE AD INSORGENZA RITARDATA
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 01 Maggio 2016

Dolore muscolare ad insorgenza ritardata (DOMS)

Ci sono diversi argomenti nella scienza dell’allenamento che

non sono ben compresi, e il dolore muscolare ad insorgenza ritardata, o DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness), è uno di questi.

Il DOMS è un'esperienza familiare per gli atleti di tutti i livelli e può essere descritto come i dolori muscolari che si verificano 24÷48 ore dopo un’attività fisica intensa. La sensazione può variare da un leggero fastidio al dolore debilitante.

Il dolore muscolare ad insorgenza ritardata differisce dal dolore muscolare acuto, che può essere avvertito durante o immediatamente dopo un pesante esercizio fisico. Questo è solitamente attribuibile ad un aumento di ioni d'idrogeno associato con l’accumulo di acido lattico o con l'edema, che corrisponde all'accumulo di fluidi nei tessuti.

Diverse teorie sono state proposte per spiegare la causa del dolore muscolare ad insorgenza ritardata, ma nessuna è universalmente accettata. Ci sono anche molti richiami aneddotici che gli effetti del DOMS possono essere ridotti con varie modalità di trattamento. Anche in questo caso nessun metodo è supportato da prove certe. Medesime considerazioni valgono anche per la prevenzione del DOMS.

Le cause del dolore muscolare ad insorgenza ritardata

Sebbene la fisiopatologia del DOMS sia discutibile, la maggior parte dei ricercatori concordano sul fatto che è il risultato di un'azione muscolare strenua eccentrica (1).

Stone e coll. (2) hanno scoperto che le azioni muscolari statiche e concentriche causano poco o nessun dolore ritardato, rispetto all’estremo dolore avvertito con un allenamento di resistenza eccentrico.

Studi di attività basate sulla resistenza, hanno scoperto che lo sforzo eccentrico della corsa in discesa si traduce in un livello significativamente più alto di dolore muscolare ad insorgenza ritardata rispetto alla corsa in piano (3, 4). Si tratta di un fenomeno molto frequente che i corridori possono testimoniare!

Acido lattico

L'acido lattico ed il suo accumulo erano una volta ritenuti una delle principali cause del DOMS, tuttavia questo non è vero.

Infatti il lattato nel sangue torna ai livelli di riposo entro un'ora dal termine dell’esercizio fisico, anche dopo intensi periodi di lavoro (5). Gli studi sulla corsa in discesa (3, 4) hanno rilevato che, sebbene questa si traduca in un maggiore DOMS rispetto alla corsa in piano, l’accumulo di lattato nel sangue è significativamente inferiore.

Rottura dei tessuti

Il dolore muscolare ad insorgenza ritardata può essere il risultato di una rottura del tessuto muscolare. Le biopsie muscolari prelevate da maratoneti dopo una gara o un allenamento, hanno evidenziato notevoli danni cellulari ai muscoli (7). Il sarcolemma (membrana cellulare) può presentare microrotture (6) e ciò consente al contenuto della cellula di diffondersi tra le altre fibre muscolari. Sono inoltre stati osservati danni ai filamenti contrattili (actina e miosina) e della configurazione dei dischi z (7).

Risposta infiammatoria

In genere il pesante esercizio che si traduce nel DOMS, può spesso indurre una risposta del sistema immunitario.

È stato dimostrato che il numero di globuli bianchi aumenta al seguito di attività intensa (8, 9). Ciò ha portato ad ipotizzare che il DOMS sia causato da una risposta infiammatoria nei muscoli.

Nel tentativo di attenuare gli effetti del dolore muscolare ad insorgenza ritardata, i ricercatori hanno somministrato agli atleti farmaci anti-anfiammatori (FANS). Tuttavia, questo approccio è fallito nel ridurre sia la comparsa, sia la gravità del dolore. Più recentemente, è stato scoperto che il microscopico danno muscolare causato da un esercizio pesante, può infatti provocare una risposta infiammatoria nei muscoli. Per una discussione più approfondita sulla risposta cellulare infiammatoria e le lesioni muscolari acute vedi Tidall (10).

Sembra probabile che il danno strutturale acuto ai tessuti muscolari sia l'innesco del DOMS. Questo potrebbe quindi costituire una catena di eventi che conduce alla necrosi (morte cellulare) con un picco a circa 48 ore dopo la fine dell'esercizio. Le sostanze liberate dalle cellule danneggiate ed i sottoprodotti della risposta infiammatoria si accumulano all'esterno delle cellule e stimolano le terminazioni nervose dei muscoli (11).

Riduzione degli effetti del DOMS

Il DOMS si traduce in perdita di forza massima e può ridurre, ad esempio, le prestazioni in un test massimale a ripetizione singola (12). Ciò può essere dovuto a tre fattori:

1) Danni fisici al tessuto muscolare.

2) Alterazione dell’accoppiamento eccitazione-contrazione.

3) Perdita di proteine contrattili.

Il DOMS comporta anche una perdita dell'ampiezza di movimento articolare e l'alterazione della trasmissione neuro-muscolare (18) .

Nessun metodo è risultato velocizzare in modo importante il recupero del dolore muscolare ad insorgenza ritardata.

Il massaggio ha dimostrato  risultati variabili, che possono essere attribuiti al momento dell’applicazione del massaggio e della sua tecnica. Si può ridurre il disagio associato al DOMS (13, 14, 15) e forse anche il gonfiore (13), ma il massaggio non sembra agire sulla funzione muscolare (13, 14, 15). La crioterapia (bagni di ghiaccio o impacchi di ghiaccio) (16, 17), lo stretching (18), l’omeopatia (19), gli ultrasuoni (20) e le elettrostimolazioni (21, 22) non hanno mostrato effetti significativi negli studi clinici sulla riduzione del dolore muscolare o su altri effetti correlati al DOMS.

La vitamina C ha un ruolo nella riparazione del tessuto connettivo e resoconti aneddotici suggeriscono che la somministrazione di antiossidanti può attenuare gli effetti d’indolenzimento muscolare ad insorgenza ritardata. Tuttavia, questo non è confermato da studi clinici (23, 24, 25). L'assunzione di vitamina C ad alte dosi non è raccomandata e può, in alcuni casi, essere dannosa.

Infine, un recente studio di Miller e collaboratori (26) ha dimostrato l'efficacia di un supplemento di proteasi sulla prevenzione ed il recupero da DOMS. Dopo la corsa in discesa, il gruppo sperimentale ha mostrato un recupero significativamente superiore della funzione contrattile e minori effetti DOMS, rispetto ad un gruppo placebo.

Anche se l'esercizio intenso, in particolare dopo un periodo prolungato di inattività, può causare DOMS, le successive sessioni di allenamento hanno meno probabilità di causare il dolore ritardato (13).

Articolo correlato
IL DOMS È UN INDICATORE AFFIDABILE DI UN BUON ALLENAMENTO?
CONTRAZIONE ECCENTRICA  [N.d.r.: ne suggeriamo la lettura] 



Articolo tratto da: http://www.sport-fitness-advisor.com/delayed-onset-muscle-soreness.html


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.