03 Gen 2016
ANATOMIA DEL MUSCOLO E SUA STRUTTURA
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 03 Gennaio 2016

Anatomia del muscolo e sua struttura

Che cosa significa muscolo scheletrico e in cosa consiste? Come si contrae?

L’anatomia muscolare è piuttosto complessa, e lo è anche senza menzionare la fisiologia della contrazione muscolare! In questo articolo si seziona il muscolo scheletrico nelle sue parti più piccole e si esaminano i sorprendenti processi che determinano tutti i nostri movimenti.

Ognuno dei 430 muscoli scheletrici del corpo consistono di tessuto muscolare, tessuto connettivo, nervi e vasi sanguigni. Una fascia fibrosa chiamata epimisio copre ogni muscolo ed ogni tendine. I tendini collegano il ventre muscolare all'osso e si attaccano al periostio (il tessuto connettivo che copre tutte le ossa). La contrazione del ventre muscolare tira il tendine e, a sua volta, l'osso che ivi è collegato.

[N.d.r: in relazione a un punto di centralità stabilito convenzionalmente: prossimale, cioè verso il centro del corpo, e distale, cioè perifericamente.]
I muscoli degli arti (come ad esempio il bicipite brachiale nel braccio) hanno due o più punti di attacco all’osso. Il punto di attacco prossimale, o origine, è quello più vicino al tronco. Il punto di attacco distale, o inserzione, è quello più distante dal tronco. I muscoli del tronco (come il muscolo retto addominale nella parete anteriore dell'addome) hanno anch'essi due attacchi - superiore (più vicino alla testa) ed inferiore (più lontano dalla testa).

Più dettagliatamente l'anatomia muscolare mostra che ogni ventre muscolare è costituito da cellule muscolari o fibre. Le fibre muscolari sono raggruppate in fasci (fino a 150 fibre) chiamati fascicoli. Ogni fascicolo è circondato da tessuto connettivo chiamato perimisio. Le fibre all'interno di ogni gruppo sono circondate da tessuto connettivo chiamato endomisio.

Ogni singola fibra è costituita da una membrana (sarcolemma) e può essere ulteriormente suddivisa in centinaia o anche migliaia di miofibrille. A loro volta le miofibrille sono circondate dal sarcoplasma e, insieme, formano i componenti contrattili del muscolo. Vedi lo schema qui di seguito:


blog muscoli 01Gruppo muscolare suddiviso nei vari componenti da http://www.lookfordiagnosis.com

Il sarcoplasma contiene glicogeno, particelle di grasso, enzimi e i mitocondri. Le miofibrille che esso racchiude sono costituite da due tipi di filamenti proteici o miofilamenti. Esse sono l'actina e la miosina.

I filamenti di miosina e actina scorrono parallelamente tra loro lungo la lunghezza della fibra muscolare. La miosina ha piccole teste globulari che sporgono, ad intervalli regolari, da essa. Queste sono chiamate ponti trasversali e svolgono un ruolo fondamentale nell’azione muscolare. Per maggiori dettagli, vedi l'articolo sulla teoria dello scorrimento dei miofilamenti.

Ogni miofibrilla è organizzata in sezioni lungo la sua lunghezza. Ogni sezione è chiamata sarcomero e si ripete lungo tutta la fibra muscolare. Quest'ultima è simile ad un righello metrico suddiviso in centimetri e millimetri. Come il millimetro è la più piccola frazione di un righello, così il sarcomero è la più piccola parte contrattile della fibra muscolare.

Il sarcomero è spesso suddiviso in diverse zone per mostrare come si comporta durante l'azione muscolare. Vedi lo schema qui di seguito:

blog muscoli 02La linea Z separa ogni sarcomero. La zona H è il centro del sarcomero e la linea M è il punto in cui gli adiacenti filamenti di miosina si ancorano gli uni agli altri. Nella figura soprastante le bande A, più scure, sono dove i filamenti di miosina si allineano, mentre le bande I sono dove sono disposti i filamenti di actina. Quando il muscolo si contrae la zona-H e la banda-I si accorciano e le linee Z sono tirate le une verso le altre.

Articoli correlati
TEORIA DELLO SCORRIMENTO DEI MIOFILAMENTI DEL MUSCOLO
IPERTROFIA E IPERPLASIA DEL MUSCOLO UMANO 

 


Riferimenti


1) Baechle TR and Earle RW. (2000) Essentials of Strength Training and Conditioning: 2nd Edition. Champaign, IL: Human Kinetics

2) McArdle WD, Katch FI and Katch VL. (2000) Essentials of Exercise Physiology: 2nd Edition Philadelphia, PA: Lippincott Williams & Wilkins

3) Wilmore JH and Costill DL. (2005) Physiology of Sport and Exercise: 3rd Edition. Champaign, IL: Human Kinetics

 



Articolo tratto da: http://www.sport-fitness-advisor.com/muscle-anatomy.html


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.