31 Gen 2016
TEORIA DELLO SCORRIMENTO DEI MIOFILAMENTI DEL MUSCOLO
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 31 Gennaio 2016

Teoria dello scorrimento dei miofilamenti del muscolo

La teoria dello scorrimento dei miofilamenti nella sua forma più semplice

afferma che: le fibre muscolari si accorciano quando i miofilamenti di actina scorrono verso l'interno sui miofilamenti di miosina ed avvicinano tra loro le linee Z.

Se per te il testo appena letto è come il cinese, dai un rapido sguardo a questo articolo sull'anatomia muscolare che presenta le diverse componenti di un muscolo.



Dai un'occhiata al seguente schema:
blog muscoli 02

Quando i miofilamenti di actina scorrono sui miofilamenti di miosina, sia la zona-H, sia la banda-I si accorciano.

Quali sono le cause che muovono i miofilamenti ?

I miofilamenti di miosina contengono, ad intervalli regolari, minuscole teste globulari, chiamate ponti trasversali, che si attaccano ai miofilamenti di actina, tirandoli, per creare movimento.blog muscoli 03Ogni flessione del ponte trasversale produce solo un piccolo movimento del miofilamento di actina, così tanti ponti trasversali in tutto il muscolo devono flettersi ripetutamente e rapidamente perché il movimento avvenga.

Il reticolo sarcoplasmatico

Il reticolo sarcoplasmatico è un sistema di tubuli che circonda ogni miofibrilla (ricorda che la miofibrilla è la parte della fibra muscolare che ospita l’actina e la miosina). Il reticolo sarcoplasmatico immagazzina il calcio, ed è la regolazione del rilascio del calcio che provoca la contrazione muscolare.

Durante il riposo la maggior parte del calcio risiede nel reticolo sarcoplasmatico e pochissimi ponti trasversali di miosina sono attaccati ai miofilamenti di actina.

Quando il cervello invia un impulso nervoso (chiamato azione potenziale), che cosa determina la contrazione della fibra muscolare?

Il potenziale d'azione arriva al terminale nervoso e causa il rilascio di una sostanza chimica chiamata acetilcolina. Quest’ultima si propaga attraverso la giunzione neuromuscolare e stimola il reticolo sarcoplasmatico a rilasciare i suoi ioni di calcio immagazzinati.

Accoppiamento eccitazione-contrazione

Come il calcio è rilasciato, questo si lega con una proteina chiamata troponina che si trova lungo i miofilamenti di actina. La teoria dello scorrimento dei miofilamenti afferma che questo legame provoca un cambiamento in un'altra sostanza chimica chiamata tropomiosina. Poiché queste sostanze chimiche hanno un'alta affinità con gli ioni di calcio, esse inducono i ponti trasversali di miosina ad attaccarsi all’actina ed a flettersi rapidamente.

Perché la contrazione continui, i ponti trasversali di miosina devono staccarsi, ricaricarsi, e riattaccarsi. Il significativo accorciamento muscolare dipende dalla sequenza continua dei seguenti eventi:
  • il calcio rilasciato dal reticolo sarcoplasmatico si lega con la troponina;
  • i ponti trasversali di miosina si accoppiano con i filamenti di actina;
  • i ponti trasversali si flettono e muovono l’actina;
  • i ponti trasversali si staccano e si ricaricano;
  • il processo è ripetuto.

 Questa è, in poche parole, la teoria dello scorrimento dei miofilamenti! 

Articoli correlati
ANATOMIA DEL MUSCOLO E SUA STRUTTURA
IPERTROFIA E IPERPLASIA DEL MUSCOLO UMANO


Riferimenti
1) Baechle TR and Earle RW. (2000) Essentials of Strength Training and Conditioning: 2nd Edition. Champaign, IL: Human Kinetics
2) McArdle WD, Katch FI and Katch VL. (2000) Essentials of Exercise Physiology: 2nd Edition Philadelphia, PA: Lippincott Williams & Wilkins
3) Wilmore JH and Costill DL. (2005) Physiology of Sport and Exercise: 3rd Edition. Champaign, IL: Human Kinetics

 



Articolo tratto da: http://www.sport-fitness-advisor.com/sliding-filament-theory.html


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.