18 Nov 2012
Archivio - XXVI^ Maratona di Torino
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 18 Novembre 2012

Domenica 18 novembre 2012 - XXVI^ Maratona di Torino
C'erano molte aspettative per questa maratona. La comitiva era formata dalle prime linee del Forrest; il decano del gruppo Gianluca Cola, il fornaio volante Davide Costetti (porta in alto la piuma dal 2006),

altre torino_02

il principe Pietro Cabassi e poi con loro Matteo Bucci, Daniele Carlotti, Guido Pinetti e Michele Salvarani. Facevano poi parte del gruppo l'ultramaratoneta Lara Mustat e, alla sua prima maratona, Marzia Zappacosta reduce dalla sospesa maratona di New York.
La maggior parte dei risultati non sono stati all'altezza delle aspettative. Cola e Mustat hanno optato per un lungo in vista della maratona di Reggio; Pinetti è stato fermato da un infortunio al ginocchio al 27esimo km. In compenso le seconde linee sono state protagoniste di una gara eccellente. Daniele Carlotti ha fermato il cronometro a 3h06'58’’, Michele Salvarani ha chiuso in 3h13'50’’, Davide Costetti ha confermato il suo ottimo stato di forma in 3h19'47’’; tutti hanno stabilito il loro personal best.
Marzia Zappacosta ha tagliato il traguardo in un ottimo 3h22'09’’ passando da podista a maratoneta.
Ah sì... mancano due personaggi. 
Il principe Pietro Cabassi dopo un avvio al rallenti (mi ha superato al 3° km) e, dopo una discreta prima parte, decideva di ingranare la ridotta per concludere in 3h07'56’’, tempo che, comunque, una stragrande maggioranza dei maratoneti firmerebbe all'istante.
Manco io, il guascone del gruppo. Ho cercato in tutti i modi di migliorarmi ma, constatando che le gambe non rispondevano, ho deciso di diventare il primo marciatore del Forrest. Me la sono camminata e goduta dal 31esimo km. Ho finito la mia passeggiata in 3h36'02’’. Resta il ricordo di un piacevole weekend in una città dove si respira veramente l'aria delle grandi città europee. Grande l'organizzazione dell'evento per questa maratona che sta sempre più diventando una delle più importanti in Europa.
[Matteo righetto Bucci]