27 Ott 2022
PSEUDO-CIARLATANERIA NEL TRATTAMENTO DEL DOLORE
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 27 Ottobre 2022

Pseudo-ciarlataneria nel trattamento del dolore

L'ampia e pericolosa zona grigia nella medicina muscoloscheletrica e del dolore, tra la cura basata sull'evidenza e la ciarlataneria palese.

Paul Ingrahamaggiornato il 24 marzo 2021

[N.d.r.: nell'ambito della lettura è utile consultare direttamente anche le note [i numeri] che compaiono nel testo. Potrai poi ritornare agevolmente al medesimo punto dell'articolo. Fai una prova [X].

Non tutta la ciarlataneria è ovvia, nemmeno per gli scettici. Il più sottile olio di serpente è in realtà un problema più serio nell'assistenza sanitaria muscoloscheletrica, perché è più difficile da individuare e molto comune, anche nell’opinione corrente. Questa "blanda" ciarlataneria probabilmente genera altrettante false speranze e sprechi di tempo, energia, denaro e persino danni. [1]

Classifica di evidente ciarlataneria
Se vuoi che la tua ciarlataneria sia forte, come un bicchierino di whisky, puoi trovarne in abbondanza: la cura per dolori, dolie e lesioni è piena di trattamenti alternativi che sono, al meglio, sperimentali e probabilmente troppo belli per essere veri.

  • gif VitMinInt 11Un unguento omeopatico all’Arnica montana, con pochissima arnica reale, è uno dei rimedi più popolari al mondo. [2]
  • I “maestri” del Reiki agitano le mani sulle ferite e le malattie, cercando quasi letteralmente di allontanarle. [3]
  • Una considerevole setta di chiropratici vende l'idea che aggiustando la parte superiore della colonna cervicale sia possibile curare non solo la lombalgia, ma tutte le malattie. [4] E accusano i medici di arroganza!

Queste sono alcune superstar dei trattamenti scientificamente discutibili dell'assistenza sanitaria alternativa, e sono relativamente facili da individuare ed evitare. Molte persone dubitano di questi trattamenti e molti pazienti con dolore cronico, in particolare, sanno fin troppo bene quanto siano stati poco aiutati da questo genere di cure. [5] Non devi essere uno scettico convinto per sapere che alcune promesse sembrano troppo belle per essere vere.

Ma cosa succede se la ciarlataneria non è così ovvia?

Qualche sorprendente consiglio medico: "L'ultima cosa di cui hai bisogno è la terapia"
Nel 2010, quando mia moglie rimase gravemente ferita in un incidente stradale fratturandosi cranio e cervello, colonna vertebrale, bacino, braccio e piede, il suo fisiatra (un medico specializzato in riabilitazione da lesioni) le ha dato alcuni consigli sorprendenti:
Non preoccuparti di alcuna terapia fisica. È l'ultima cosa di cui hai bisogno. Principalmente hai solo bisogno di riposo e attività generica quando puoi gestirla. Tra un po' di tempo vai al corso, un paio di volte, e prendi un po' di istruzioni e correzioni, ma soprattutto è una perdita di tempo e denaro.

Duro! Ma non senza giustificazione: questo è il costo di una certa arretratezza seria e ben documentata della terapia fisica. [6] Molte o anche la maggior parte delle opzioni e dei trattamenti di riabilitazione tradizionali si basano su idee davvero antiquate e, per un dollaro al minuto, offrono sorprendentemente pochi risultati basati sull'evidenza. Di per sé non è "ciarlataneria", ma certamente non è all'altezza di una buona assistenza moderna con benefici comprovati.

I pazienti amano la fisioterapia, [7] ma ciò può essere in parte dovuto al fatto che i fisioterapisti usano tutte le pseudo-ciarlatanerie discusse in questo articolo: trattamenti definiti dall'apparenza più legittimi di quanto non siano in realtà.

Ciarlataneria subdola
Esistono molti trattamenti comuni in quella sconcertante e disordinata zona grigia tra ciarlataneria palese e medicina provata e non controversa. Probabilmente i migliori esempi sono gli ultrasuoni e la stimolazione elettrica transcutanea dei nervi (TENS): nell’opinione corrente estremamente popolari, ma bombardare lesioni e dolore con onde sonore e corrente elettrica non è neanche lontanamente un trattamento basato sull'evidenza, come invece la maggior parte delle persone presume.

Molti di questi trattamenti sono considerati legittimi e tradizionali, anche se in realtà non sono più utili dell'olio di serpente, o lo sono a malapena. La zona grigia è ampia perché c'è poco di prezioso che possiamo effettivamente fare per aiutare le persone che soffrono o per facilitare la guarigione. Non molto "funziona". La scienza del dolore e della riabilitazione è ancora dolorosamente, esasperatamente primitiva. [8] Le cose stanno migliorando, [9] ma gran parte di ciò che abbiamo imparato è stato lento, in modo allarmante, nell'influenzare i medici. Come ha scritto Zusman, "per ragioni un po' difficili da comprendere, il messaggio non sembra arrivare". [10]


Non funziona molto? Citazione necessaria! Qui non esporrò il caso in dettaglio (molti altri articoli approfondiscono la scienza deludente), ma sceglierei solo un paio di citazioni chiave:

  • Machado 2009, un'eccellente recensione di molti trattamenti per la lombalgia con un tema cupo "non funziona molto". [11]
  • Il famigerato Philadelphia Panel sugli interventi di riabilitazione, del 2001, che ha dimostrato che molti trattamenti popolari nella terapia fisica non possono battere un placebo, una delusione di proporzioni epiche basata sull'evidenza. [12]


Anche le “semplici” lesioni da sovraccarico continuano a presentare sorprendenti difficoltà scientifiche. Ad esempio, si scopre che, dopotutto, i tendini non sono solo noiose e vecchie cartilagini, ma "corde-biologiche" straordinariamente intelligenti con una complessità fisiologica inimmaginabile fino a 25 anni fa [13] - e l'unica cosa chiara è che non capiamo la biologia abbastanza bene per trattare efficacemente i tendini.

Per mancanza di metodi di trattamento ben provati, fisioterapisti, chiropratici e massaggiatori vendono abitualmente trattamenti che, nella maggior parte degli altri campi della medicina, sarebbero considerati sperimentali. Ma generalmente, i pazienti, non hanno idea di quando sono entrati in questa zona grigia di congetture terapeutiche, perché i trattamenti pseudo-ciarlatani non sono all’aspetto ridicoli e alcuni di loro sono persino interessanti e promettenti. Quindi cosa li rende dubbiosi?

  • plausibilità discutibile;
  • assenza di (buone) prove;
  • prescrizione eccessivamente sicura nonostante la mancanza di prove.

gif pseudo ciarlaMi piacerebbe provare un trattamento tedesco sperimentale denominato “KWITCHERBICHEN”
di Dave Coverly, www.speedbump.com

Scrollate di spalle: idee di qualità media
Molte idee di trattamento non sono molto plausibili, ma la plausibilità è difficile da definire. La plausibilità di una persona è un rullo degli occhi di un'altra. Conosco molte idee di trattamento presumibilmente plausibile che non sono completamente fuori di testa, ma non mi impressionano. Le chiamo "scrollata di spalle" - idee che vale la pena provare, ma per lo più inutili da discutere se non per curiosità intellettuale. Una scrollata di spalle ha sempre, almeno, un paio di problemi abbastanza evidenti con essa.

I terapisti manuali (e anche i medici) hanno molte scrollate di spalle: non testate, o testate a malapena o testate male. Ecco alcuni esempi che penso rientrino in questa categoria. Alcuni lettori penseranno che molti di queste siano ovvie ciarlatanerie, mentre altri saranno indignati dal fatto che stia suggerendo che siano dei candidati. Questo sottolinea solo un punto: sono nella zona grigia. Ho aggiunto note esplicative più dettagliate a molti degli esempi più informativi evidenziati:

  • rullo di schiuma;
  • proloterapia [14]
  • ultrasuoni, in particolare terapia con onde d'urto extracorporee [15];
  • kinesio taping [16];
  • stimolazione elettrica transcutanea del nervo (TENS) [17];
  • terapia educativa;
  • decompressione spinale [18];
  • BOTOX;
  • terapia dei punti trigger in generale, [19] ma soprattutto dry needling [20];
  • iniezione di plasma arricchito di piastrine (PRP) [21];
  • terapia con laser freddo [22];
  • screening del movimento funzionale [23];
  • pompe intratecali;
  • posturologia [24];
  • terapia di manipolazione spinale [25];
  • farmaci oppioidi [26];
  • neurodinamica [27];
  • ortesi [28];
  • vibrazione fisica (grossolana, in contrasto con cellule e molecole vibranti) [29];
  • raggi x di movimento digitale [30];
  • radiazione nel lontano infrarosso (utilizzata principalmente nelle saune) [31];
  • miorilassanti;
  • antagonisti del recettore NMDA per il mal di schiena.

Poche prove + molta fiducia = sicuro, perché no?
Se un giorno un trattamento pseudo-ciarlatano fosse adeguatamente dimostrato di essere efficace, allora non ci sarebbe più alcun tipo di ciarlataneria. Se fosse dimostrato di essere falso ("prova di assenza"), sarebbe degradato a ciarlataneria completa. Ma una scrollata di spalle non studiata? Che cos'è?

"Abbastanza buono", in apparenza.

La pseudo-ciarlataneria è sfruttata verso i pazienti da molti anni o addirittura decenni, con una sicurezza che va da "poca" a "estrema". Ma nella maggior parte dei casi sarà promossa come un trattamento "promettente", con vari gradi di consenso informato, ma offrendo, di solito, solo un leggero cenno alla mancanza di prove. E in non pochi casi sarà venduta come vera medicina, esattamente come se fosse già provata, senza esprimere una parola di dubbio.

In non pochi casi, la medicina sperimentale sarà venduta come una vera medicina, esattamente come se fosse già provata, senza esprimere una parola di dubbio.

In particolare, questo è il caso delle più costose elettroterapie, dove un professionista freelance ha speso fino a centinaia di migliaia di dollari per “un’apparecchiatura medica" e deve vendere trattamenti cari per pagarla. Gli ultrasuoni ad onde d'urto e le macchine per la decompressione spinale sono esempi eccellenti.

Naturalmente, la sola assenza di prove non ne fa certo una pseudo-ciarlataneria. Alcune di queste probabilmente sono medicamentose e alla fine saranno provate. Ma il grado con cui non possiamo dirlo è un po' scioccante. L'introduzione standard alle revisioni scientifiche di quasi tutti i trattamenti è che "non ci sono prove sufficienti per trarre conclusioni". Questo non si applica solo alle cose nel campo sinistro: stiamo parlando dei trattamenti basilari della terapia fisica tradizionale - interventi per i quali i consumatori e gli assicuratori spendono miliardi ogni anno - così come cose strane e nuove.

Abbraccia l'incertezza!
Alcuni dicono che l'assistenza sanitaria sarebbe paralizzata se potessimo dispensare solo trattamenti comprovati - come medici alternativi evangelisti e critici della medicina basata sull'evidenza si dilettano a sottolineare. [32] Le terapie non dimostrate sono particolarmente inevitabili nella mia professione precedente; come massaggiatore terapista non potevo, letteralmente, muovere un muscolo nel mio ufficio senza fare qualcosa di non provato. Cosa deve fare un professionista etico?

Ecco semplici istruzioni per convertire la pseudo-ciarlataneria in terapia etica in pochi istanti:

  1. Guarda il paziente negli occhi.
  2. Fai un respiro profondo.
  3. Recita l'incantesimo mistico: "Non so se questo ti aiuterà".

Potevo proteggere i pazienti dalla mia ignoranza, solo sottolineandola proattivamente e candidamente. Qualcosa di meno sarebbe stato immorale.

Sfortunatamente, solo dire "Non lo so" sembra essere un'arte morente tra i mercanti autonomi di terapie. Il dollaro onnipotente è il problema principale. La maggior parte dei terapisti manuali sono liberi professionisti e l'affitto viene pagato solo quando i pazienti ritornano di più. Questo è tutto ciò che serve a molti professionisti per raccomandare trattamenti non provati con un po' troppo entusiasmo. Anche solo un po' di normale ego umano può farlo.

Processo contro prodotto
La maggior parte delle pseudo-ciarlatanerie sono "prodotti" o "servizi" intesi a fornire un beneficio più o meno indipendente dal contesto clinico. "Proiettili magici." Cioè, non dovrebbe importare più di tanto chi li sta fornendo o perché. Quasi tutti sono presumibilmente buoni per praticamente tutto ciò che ti affligge, non è richiesto alcun ragionamento clinico o sottigliezza.

Ma una buona assistenza sanitaria è un processo che è maggiore della somma delle sue parti, piuttosto che solo un "servizio" o un "prodotto". [33

In altre parole, ciò che funziona è probabilmente complesso e sottile ed è il risultato di buona istruzione e consulenza, non alla stupida applicazione, a misura unica, di qualsiasi elettroterapia in cui il terapeuta abbia investito.

È pericolosa perché non è molto pericolosa
La pseudo-ciarlataneria può essere mite e banale. Nessun problema, davvero. Ma questo è esattamente il motivo per cui rimane in gran parte non esaminata.

Viene regolarmente perpetrata da professionisti medi che soffrono di piccoli difetti metodologici di conferma e di una mancanza di familiarità con la letteratura scientifica. In nessun caso queste persone sono veri ciarlatani, nel senso che uno scettico incallito userebbe la parola: sono solo normali professionisti che non possono leggere giornali tutto il giorno e hanno bollette da pagare.

Anche i pazienti scettici spendono abitualmente nella zona grigia migliaia di dollari in false speranze, spesso trascorrendo anni nel "macinino della terapia".

La loro fiducia in terapie non provate va da supposizioni apatiche a entusiasmo prematuro a zelo di marketing esagerato.

Eppure, se non è compito di un terapeuta essere apertamente umile di fronte alla nostra incredibile ignoranza di ciò che funziona davvero, allora non so cosa sia.

Nonostante la sua personalità sbronza, la pseudo-ciarlataneria è un pericolo evidente e presente, in particolare per i pazienti con dolore cronico. Persino i pazienti scettici spendono abitualmente migliaia di dollari in false speranze nella zona grigia, spesso trascorrendo anni nel "macinino della terapia", martellando a caro prezzo una condizione che, in primo luogo, non aveva mai davvero molta speranza di trattare in primo luogo.

I pazienti con dolore cronico spesso si sentono disperati e non è sbagliato provare con cautela un metodo di trattamento sperimentale. Ma pochissimi metodi sono così promettenti come il loro marketing li fa sembrare. Sii cinico. Stai attento. E attenzione ai professionisti che non hanno ricevuto il promemoria: l'umiltà nel trattare il dolore cronico non è solo una gentilezza, ma una necessità etica.

Articoli correlati 
SINDROME DELLA BANDELLETTA ILEOTIBIALE 
FASCITE PLANTARE
SINDROME FEMORO-ROTULEA 
SINDROME TIBIALE MEDIALE (Shin Splint)  

A proposito di Paul Ingraham
paul 1 xxsSono uno scrittore di scienze di Vancouver, Canada. Per un decennio sono stato un massaggiatore terapista registrato, e assistente redattore di ScienceBasedMedicine.org per diversi anni. Ho avuto molti infortuni come podista e giocatore di Ultimate, e anch'io sono stato un paziente con dolore cronico dal 2015. Biografia completa. Ci vediamo su Facebook o Twitter.

Riferimenti

Per facilitare la comprensione dell'articolo, i titoli delle pubblicazioni riportate nel testo sono stati tradotti in italiano, sebbene i relativi link facciano riferimento agli studi originali in lingua inglese.

X. Nota di prova.  TORNA AL TESTO 

1. Una premessa di base di questo articolo è che la ciarlataneria non è mai innocua. Vedi Qual è il danno? e Cautele. Attenzione alle 3 D della ciarlataneria: trattamenti dubbi, pericolosi e distraenti per dolie e dolori (o qualsiasi altra cosa).
TORNA AL TESTO

2. Le creme omeopatiche (diluite) all'arnica per il dolore, come Traumeel, sono piuttosto popolari. Contengono solo tracce dell'ingrediente più noto, l'arnica. Possono contenere anche altre erbe, alcune delle quali meno estremamente diluite. Le prove scientifiche finora suggeriscono fortemente che gli effetti di tali creme sono al massimo minori. Per maggiori informazioni, vedi Il gel all'arnica funziona per il dolore? Una recensione dettagliata di creme e gel a base di erbe omeopatiche (diluite) popolari come Traumeel, usati per dolori muscolari, dolori articolari, lesioni sportive, lividi e infiammazione post-chirurgica.
TORNA AL TESTO 

3. Il tocco terapeutico è un massaggio dell'aura senza mani, il tocco effettivo non incluso. È il principale esempio della cosiddetta "medicina energetica" e un cugino stretto del reiki giapponese. È pura ciarlataneria. Le aure non esistono e non possono essere percepite, figuriamoci manipolate terapeuticamente. Per ulteriori informazioni, vedere Il mito delle mani curative: Reiki, tocco terapeutico e altri metodi di "medicina energetica" sono culturalmente ricchi ma scientificamente falliti.
TORNA AL TESTO

4. "Cervicale superiore" (NUCCA) i chiropratici ritengono che quasi tutti i problemi, non solo quelli originati esclusivamente nella parte alta dell'articolazione spinale, possono essere corretti in modo affidabile manipolando quell'articolazione. Per molte persone questo è difficile da ingoiare, ma c'è ancora chiaramente un mercato per questo servizio: molti pazienti sono affascinati da una spiegazione così elegante per tutto ciò che è andato storto con loro. Ho menzionato NUCCA in molte parti di PainScience.com, ma non mi sono mai concentrato su questo. Gli articoli più rilevanti sono. Le controversie chiropratiche, Che cosa è successo al mio barbiere? e La manipolazione spinale funziona? 
TORNA AL TESTO  

5. Kamen P. Tutto nella mia testa: una ricerca epica per curare un mal di testa inesorabile, totalmente irragionevole e solo leggermente illuminante. Da Capo Lifelong; 2005. p. 177–194 
In questo capitolo di Tutto nella mia testa: una ricerca epica per curare un mal di testa inesorabile, totalmente irragionevole e solo leggermente illuminante, Kamen racconta la storia delle sue esperienze con un'ampia varietà di terapie alternative per il suo mal di testa cronico. Il risultato è una delle più divertenti e approfondite esplorazioni di cure mediche alternative mai messe su carta.  TORNA AL TESTO 

6. Zusman M. La modernizzazione della terapia manipolativa. International Journal of Clinical Medicine. 2011 Nov;2(5):644–9. PainSci #54598.
Una forte accusa contro l'uso persistente del "movimento passivo" in fisioterapia, e le ragioni deludenti per esso: un "modello 'bio-medico' ormai obsoleto, basato sulla struttura "che si è dimostrato difettoso o almeno irrilevante". Sfortunatamente, il linguaggio del giornale è tortuoso e goffo, specialmente l'uso bizzarro ed eccessivo di citazioni spaventose e parentesi. Tuttavia, sono completamente d'accordo con la sua sostanza e condivido la frustrazione dell'autore per lo stato della terapia fisica: "La professione deve essere vista per assumere la posizione matura offerta dalla sua moderna formazione basata sulla scienza".  TORNA AL TESTO

7. Hush JM, Cameron K, Mackey M. Soddisfazione del paziente con la terapia fisica muscoloscheletrica: una revisione sistematica. Phys Ther. 2010 Nov. PubMed #21071504
Sono state fatte molte ricerche sulla fisioterapia e sulla sua efficacia, la maggior parte delle quali piuttosto scoraggianti. Ma per quanto riguarda i pazienti? A loro piace? Funziona bene per loro? Questo studio ha tentato di calcolare quale fosse il livello di soddisfazione del paziente per coloro che hanno ricevuto cure di terapia fisica.
Una revisione della letteratura è stata intrapresa da diversi database. Una ricerca di 3.790 studi ha consentito uno studio approfondito di 15 che soddisfacevano i criteri.
I ricercatori hanno concluso che "i pazienti sono molto soddisfatti della cura della terapia fisica muscoloscheletrica" e hanno scoperto che "gli attributi interpersonali del terapeuta e il processo di cura sono chiave determinante della soddisfazione del paziente". Detto questo, è un po' strano che gli autori pensassero che fosse "inaspettato" che l'efficacia fosse "associata raramente e in modo incoerente alla soddisfazione del paziente".
Ho sempre considerato un dato di fatto che il modo in cui un paziente si sente riguardo a un trattamento non ha quasi nulla a che fare con quanto bene ha funzionato (indipendentemente dal placebo), ma questo studio è il primo che vedo offrire una buona prova concreta. “La soddisfazione non è la medesima cosa dell'efficacia” (Long).  TORNA AL TESTO

8. Una specie di. Negli ultimi decenni è stato svolto un lavoro straordinario nella scienza del dolore di base, ma le sue implicazioni sono estremamente lente da trasmettere alla pratica clinica - perché sono attivamente contrastate da molti fisioterapisti, perché pensano che mini il loro ruolo di riparatori di carne. La scienza del dolore sta chiaramente dimostrando che ciò che lo rende grave e cronico ha sorprendentemente poco a che fare con tutto ciò che può essere "riparato" o manipolato nei tessuti, il che è direttamente in contrasto con il modello tradizionale di fare qualcosa al corpo del paziente. Vedi La tua schiena non è fuori allineamento, Sensibilizzazione nel dolore cronico, Il dolore è strano e 34 sorprendenti cause di dolore.
TORNA AL TESTO

9. Grant HM, Tjoumakaris FP, Maltenfort MG, Freedman KB. Livelli di evidenza nella letteratura sulla medicina sportiva clinica: stiamo migliorando nel tempo? Am J Sports Med. 2014 aprile; 42 (7): 1738-1742. PubMed # 24758781.
Le cose potrebbero andare meglio: "L'enfasi sull'aumento dei livelli di evidenza per guidare le decisioni di trattamento per i pazienti di medicina sportiva potrebbe avere effetto". Una notizia fantastica, se vera! D'altra parte, forse dovrei stare attento a ciò che desidero, dal momento che tutta la mia carriera si basa sul dare un senso al pasticcio senza speranza che è lo sport e la medicina muscoloscheletrica ...  TORNA AL TESTO

10. Zusman 2011, op. cit. “Ciò è chiaramente evidente, tra le altre cose, dai risultati di studi recenti come quelli di Daykin & Richardson e Ali e Thomson dal Regno Unito. … La scoperta chiave è stata che le convinzioni dei medici (“visione del mondo”) riguardo alla causa del dolore (cronico) e della disabilità dei pazienti erano ancora dominate dal modello “biomedico” antiquato e orientato alla struttura. ... È particolarmente preoccupante che una prospettiva strutturale abbia informato il ragionamento clinico anche per i pazienti che presentavano un'ovvia "sovrapposizione" psicosociale".  TORNA AL TESTO

11. Machado LA, Kamper SJ, Herbert RD, Maher CG, McAuley JH. Effetti analgesici dei trattamenti per la lombalgia aspecifica: una metanalisi di studi randomizzati controllati con placebo. Rheumatology (Oxford). 2009 May;48 (5): 520–7. PubMed # 19109315PainSci # 54670
Questa è un'analisi meticolosa, sensata e leggibile dei migliori studi che siano mai stati fatti sui trattamenti per il mal di schiena: i più grandi successi della scienza del mal di schiena. C'è una grande quantità di scienza del dolore alla schiena da esaminare, ma gli autori Machado, Kamper, Herbert, Maher e McCauley hanno scoperto che ne valeva la pena: solo 34 studi accettabili su 1031 candidati, e anche tra questi "la qualità della prova era molto variabile." Le loro conclusioni derivano solo dai migliori tipi di esperimenti scientifici: non solo il gold standard dei test randomizzati e controllati con placebo, ma scegliendo accuratamente solo il tipo "giusto" di placebo (diversi tipi di placebo erano motivo di squalifica, a causa del loro noto potenziale di distorcere i risultati). Fanno un buon lavoro nello spiegare esattamente come e perché hanno scelto gli studi, difendendoli preventivamente da un paio di preoccupazioni comuni. I risultati erano tristi e prevedibili, robuste prove di assenza: "Gli effetti medi dei trattamenti ... non sono molto maggiori di quelli del placebo".  TORNA AL TESTO 

12. Philadelphia Panel. Linee guida di pratica clinica, del Philadelphia Panel, basate sull'evidenza sugli interventi riabilitativi selezionati: panoramica e metodologia. Phy Ther. 2001;81(10):1629–1640.
Vedi anche:
"Linee guida di pratica clinica, del Philadelphia Panel, basate sull'evidenza sugli interventi riabilitativi selezionati per la lombalgia"

"Linee guida di pratica clinica, del Philadelphia Panel, basate sull'evidenza sugli interventi riabilitativi selezionati per il dolore al ginocchio".

"Linee guida di pratica clinica, del Philadelphia Panel, basate sull'evidenza sugli interventi riabilitativi selezionati per il dolore al collo".

"Linee guida di pratica clinica, del Philadelphia Panel, basate sull'evidenza sugli interventi riabilitativi selezionati per il dolore alla spalla".

TORNA AL TESTO 

13. Vedi Khan 2000 and Medzhitov 2008.  TORNA AL TESTO

14. La proloterapia (un baule di “terapia proliferativa”) è un classico esempio di terapia di provocazione, intesa a “irrigidire” legamenti e tendini che, presumibilmente, causano problemi perché deboli. Ciò è una salsa molto debole. Questa terapia è un esempio particolarmente perfetto di pseudo-ciarlataneria, perché è stata resa popolare da un medico in tempi moderni, aveva una logica biologica plausibile e specifica (per l'epoca), può essere fornita solo dai medici (a causa delle iniezioni), eppure ha anche molti tratti distintivi della medicina alternativa e dell'olio di serpente, e la logica ha smesso di definirla biologicamente plausibile dalla maggior parte degli esperti, almeno trent'anni fa. C’è un riassunto in Terapia di provocazione del tessuto e un'analisi critica più dettagliata nel mio tutorial per la lombalgia, la condizione che originariamente doveva trattare.  TORNA AL TESTO

15. Vedi La terapia a ultrasuoni è valida? [N.d.r.: da noi tradotto] Giardino di varietà gli ultrasuoni sono già abbastanza cattivi, ma l'ESWT (terapia ad onde d’urto) in particolare è una pseudo-ciarlataneria da manuale: popolare, costosa, troppo pubblicizzata e sicuramente venduta ai pazienti per condizioni che ha poche speranze di trattare ... fa bene a qualcosa e i fautori possono ancora facilmente dire "sono necessari ulteriori studi".  TORNA AL TESTO

16. Ingraham. La dubbia scienza del nastro kinesiologico: la storia delle origini e la scienza dei nastri terapeutici come Kinesio Tape, KT Tape, Spider-Tech, RockTape[N.d.r.: da noi tradotto] PainScience.com. 4974 parole. Il taping terapeutico (Kinesio Tape® e i suoi nuovi concorrenti) è stato un tema caldo sin dalle Olimpiadi del 2012, sia con i fan, sia con i fornitori che fanno grandi affermazioni sul trattamento del dolore e degli infortuni e sul miglioramento delle prestazioni. Grazie a tutta l'attenzione, abbiamo più scienza del solito per questo genere di cose, tutte che mostrano al massimo effetti banali e risultati completamente negativi per molte affermazioni specifiche, come l'aumento della circolazione.  TORNA AL TESTO

17. Ingraham. Zappato! La TENS funziona per il dolore? La peculiare popolarità di essere delicatamente zappati con la terapia di stimolazione elettrica.  PainScience.com. 9090 parole. Gli umani amano gli stimolanti! Ci è sempre piaciuto fare zapping tra noi e gli altri, un poco, o anche parecchio. Nel XX secolo, e ancora oggi, la forma di gran lunga più popolare (e addomesticata) di elettroterapia o neuromodulazione è la stimolazione elettrica nervosa transcutanea (TENS). Anche altri tipi di stimolazione elettrica sono interessanti e più promettenti, come la stimolazione più profonda, che colpisce il cervello e il midollo spinale. Questa è una panoramica di tutte le forme di neuromodulazione con una forte attenzione alla TENS per il dolore.  TORNA AL TESTO

18. La decompressione spinale è un ottimo esempio di un trattamento che si trova nel profondo della zona grigia, al limite della ciarlataneria. Certamente il modo in cui i chiropratici la vendono (aggressivamente, per un sacco di soldi), è in gran parte olio di serpente. Ciò che lo tiene nella zona grigia è che, probabilmente, un nocciolo di verità terapeutica si nasconde da qualche parte lì dentro. Usata con giudizio e con un consenso pienamente informato, potrebbe essere salvata dalla ciarlataneria e prendere un posto modesto, ma rispettabile, nel kit di strumenti per il dolore al collo e alla schiena.  TORNA AL TESTO

19. La terapia dei punti trigger è un'idea di trattamento perfettamente utile che può essere convalidata da test adeguati nel tempo ma è, in gran parte, mantenuta nella zona grigia da un problema di atteggiamento: credenza dogmatica nel suo valore, vendita eccessiva cronica e scarso ragionamento clinico basato su teorie errate su cosa siano i punti trigger. Oh, e l'ho menzionato? Finora prove irrimediabilmente inadeguate e confuse. Vedi Dubbi sui punti trigger.
TORNA AL TESTO

20. Il dry needling è la "pugnalata" di presunti punti trigger con aghi di agopuntura: una pratica che è stata ampiamente adottata dai fisioterapisti. I rischi sono molto maggiori rispetto a qualsiasi altra forma di trattamento per i punti trigger, senza una maggiore giustificazione.  TORNA AL TESTO

21. Il plasma arricchito di piastrine (PRP) è plausibile e mostra ancora qualche debole promessa per tendinopatie e artrite, ma la scienza finora è scoraggiante, l'enfasi e i costi sono alti e potrebbero esserci rischi al di sopra e al di là di quelli insiti in qualsiasi iniezione. Per ulteriori informazioni, vedi L'iniezione di plasma arricchito di piastrine funziona? Un'interessante idea di trattamento per artrite, tendinopatia, stiramento muscolare e altro ancora[N.d.r.: da noi tradotto].  TORNA AL TESTO

22. Ingraham. Revisione della terapia laser a freddo: un'analisi critica del trattamento del dolore e delle lesioni con raggi laser dannati. [N.d.r.: da noi tradotto]. PainScience.com. 3732 parole.  TORNA AL TESTO

23. Il Functional Movement Screen (FMS) è un insieme di sette test fisici di coordinazione e forza, in particolare la forza "core", inventato nel 1997 e ora ampiamente utilizzato in tutto il mondo. È stato originariamente proposto come un sistema di rilevamento dei problemi, che è insito nel nome: è uno "schermo". Il suo uso in natura sembra oltrepassare questo scopo dichiarato. Per ulteriori informazioni, vedi The Functional Movement Screen (FMS): i vantaggi del popolare sistema di screening per gli atleti potrebbero essere venduti in eccesso da alcuni professionisti.
TORNA AL TESTO

24. "Posturologia" è il termine popolare per indicare la "disciplina" per lo più inventata di studiare la relazione tra postura e dolore, e anche tra postura e malattie. In altre parole, è l'applicazione clinica della convinzione che la postura sia un fattore significativo in molti problemi dolorosi comuni (soprattutto mal di schiena). Sebbene possano esserci dei noccioli di verità nella posturologia, è in modo schiacciante sciatto e amatoriale, con molte affermazioni che sono nettamente contraddette dalle prove. Eppure è saldamente nel mainstream, un punto fermo della terapia fisica: il 65% dei fisioterapisti ritiene che educare i propri pazienti sulla postura sia "molto importante", e un altro 28% lo classifica appena al di sotto - "nonostante la mancanza di prove evidenti che ogni postura specifica è collegata a migliori risultati di salute” (vedi Korakakis et al).  TORNA AL TESTO 

25. Ingraham. La manipolazione spinale funziona? Manipolazione spinale, regolazione e schiocco delle articolazioni spinali e teoria della sublussazione della malattia, del mal di schiena e del dolore al collo. PainScience.com. 17825 parole.  TORNA AL TESTO

26. Ingraham. Oppiacei per dolie e dolori cronici: L'opzione nucleare: "Hillbilly heroin" (Oxycontin), codeina e altri oppioidi per problemi muscoloscheletrici come il dolore al collo e alla schiena. PainScience.com. 4751 parole.  TORNA AL TESTO

27. Ingraham. Stretching neurodinamico: stiramento e stimolazione dei nervi per curare la neuropatia... si spera. PainScience.com. 2473 parole.  TORNA AL TESTO
L'idea di allungare i nervi per curare la neuropatia è interessante e potrebbe esserci qualcosa. Ma la modalità è in circolazione da secoli senza il minimo supporto della scienza. Si basa interamente su ipotesi plausibili ed esperienza clinica. Sembra impressionante, motivo per cui è un buon esempio di pseudo-ciarlataneria, ma è abbastanza dubbio che sia effettivamente efficace.

28. Le ortesi (plantari) sono un esempio particolarmente buono perché ci sono usi legittimi ovvi, ma la stragrande maggioranza delle prescrizioni di plantari è una cattiva idea. L'industria spazia da quella completamente legittima a quella semplicemente sovra prescritta e dubbia fino a classificarla come frode. Vedi I plantari ne valgono la pena? [N.d.r.: da noi tradotto].  TORNA AL TESTO 

29. Ingraham. Terapie vibratorie, dalle pistole per massaggi alle vasche idromassaggio: quali sono i benefici medici del massaggio vibratorio e di altri tipi di oscillazione dei tessuti? PainScience.com. 4983 parole.  TORNA AL TESTO

30. I film a raggi X sono una cattiva idea, non c'è dubbio. Tuttavia, sono un ottimo esempio di pseudo-ciarlataneria, perché puzzano di plausibilità scientifica e perché potrebbero essere legittimamente utili in una manciata di scenari medici. Ma l'osservatore casuale - e anche molti professionisti - semplicemente non vedranno i problemi con esso senza un'attenta considerazione e studio. Vedere Radiografia in movimento digitale.
TORNA AL TESTO

31. Le saune nel lontano infrarosso sono pubblicizzate come se irradiassero raggi curativi. È ancora un altro esempio dell'ottimismo che un qualche tipo di stimolazione energetica potrebbe far funzionare meglio la biologia (identica nello spirito alla TENS, agli ultrasuoni, alla terapia laser, ecc.). La radiazione nel lontano infrarosso è la parte della sezione infrarossa dello spettro elettromagnetico con le lunghezze d'onda più lunghe, ed è ampiamente propagandata per penetrare almeno alcuni centimetri nel tessuto; la citazione di solito usata per questo (se fornita) non supporta effettivamente l'affermazione. Sono ipotizzabili effetti sulla biologia che vanno oltre il semplice riscaldamento dei tessuti, ma non sono mai stati effettivamente documentati. Esploro questo argomento in modo più dettagliato nel mio articolo sulla termoterapia: Calore per il dolore e la riabilitazione: una guida dettagliata all'uso del calore come terapia per il dolore acuto e cronico e il recupero da un infortunio.
TORNA AL TESTO

32. Pensano che dimostri che gli interventi non hanno bisogno o non possono essere studiati e provati. Hanno torto. Pensano anche che la medicina basata sull'evidenza sia dogmaticamente, automaticamente contro tutto ciò che non è dimostrato. Si sbagliano anche su questo. L'EBM ha sempre riconosciuto formalmente il valore dell'esperienza clinica e la complessità del ragionamento clinico.  TORNA AL TESTO

33. Silvernail J. Terapia manuale: processo o prodotto? J Man Manip Ther. 2012 maggio;20(2):109-10. PubMed #23633891PainSci #54128TORNA AL TESTO 



Tratto da: https://www.painscience.com/articles/pseudo-quackery.php


Il testo è presentato a titolo informativo sull’argomento. Non è assolutamente da intendersi come una qualunque tacita convalida del contenuto da parte nostra (non siamo in grado di esprimere giudizi qualificati in merito). Inoltre, si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.