02 Dic 2021
RIGIDITÀ DELLA BANDA ILEOTIBIALE
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 02 Dicembre 2021

RIGIDITÀ DELLA BANDA ILEOTIBIALE

Sembra proprio che sia difficilissimo, per non dire impossibile, allungare la banda ileotibiale. Cosa dovremmo far presente a chi prescrive esercizi o massaggi per il suo allungamento? 

1 giugno '21
Pepper TM, Brismée J-M, Sizer Jr PS, et al. The Immediate Effects of Foam Rolling and Stretching on Iliotibial Band Stiffness: A Randomized Controlled Trial. IJSPT. 2021;16(3):651-661. doi:10.26603/001c.23606 
[N.d.r.: IJSPT = International Journal of Sports Physical Therapy  - Articolo liberamente accessibile per la lettura.]

Effetti immediati del rotolamento su schiuma e dello stretching sulla rigidità della banda ileotibiale: una prova controllata randomizzata. 

Sommario

Premessa
La sindrome della bandelletta ileotibiale (ITBS) è una condizione clinica comune, probabilmente causata da forze di compressione anomale sulla banda ileotibiale (ITB). Nel trattamento della ITBS gli interventi di stretching sono comuni e possono interessare prevalentemente il tensore della fascia lata (TFL). Un altro trattamento dell'ITBS è il rullo di schiuma, che può influenzare più direttamente la banda ileotibiale. L'elastografia a ultrasuoni a onde di taglio (SWUE) misura la rigidità dei tessuti molli in tempo reale, consentendo di misurare e confrontare i cambiamenti dei tessuti.

Scopo
gif adduzione abduzione                                        Waglione
     Opera propria, CC BY-SA 3.0.
Esaminare gli effetti del rullo di schiuma e dello stretching del complesso ileotibiale, sulla rigidità dell'ITB a 0° e 10° di adduzione dell'anca, e l'intervallo di movimento passivo dell'adduzione dell'anca (PROM).

Progettazione dello studio
Studio controllato randomizzato.

Metodi
Per questo studio sono stati analizzati i dati di 11 maschi (età = 30.5 ± 9.0 anni, indice di massa corporea (BMI) = 27.8 ± 4,0) e 19 femmine (età = 23.5 ± 4.9, BMI = 23.2 ± 2.1). I soggetti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi: controllo, stretching e rullo di schiuma. Le misurazioni con l'elastografia a ultrasuoni a onda di taglio includevano il modulo di Young della banda ileotibiale a metà coscia, il femore distale e il ventre del muscolo tensore della fascia lata. La profondità ITB-femore è stata misurata a metà della coscia. La PROM di adduzione dell'anca è stata misurata da immagini digitali scattate durante il movimento.

Risultati
Non sono state trovate interazioni significative, o effetti principali, per le differenze di gruppo o di tempo nel modulo di Young della banda ileotibiale nelle tre posizioni misurate. La rigidità dell'ITB a metà coscia e al femore distale aumentava con l'adduzione di 10°, ma la rigidità del tensore della fascia lata non aumentava. È stato osservato un effetto principale per la PROM di adduzione, in cui la PROM è aumentata di 0.8 dopo il trattamento (p = 0.02).
gif ITBS rigidaElastografia Shear Wave e immagini ecografiche B-mode in ogni posizione, a 0° e 10° di adduzione. [Patella = rotula. Thigh = coscia. TFL= tensore della fascia lata.] 

Conclusione
I risultati dello studio non indicano alcun effetto dello stretching o del rotolamento su schiuma sulla rigidità a breve termine dell'ITB, in vivo, in soggetti sani, supportando in tal modo precedenti studi di stretching dell'ITB cadaverico. Un singolo episodio del rotolamento su schiuma o di stretching non modifica la rigidità dell'ITB in soggetti sani e può avere un valore limitato nel ridurre la compressione dell’ITB. La mancanza di modifiche della rigidità dell'ITB può derivare da uno stimolo di intervento inadeguato o indicare che gli interventi non hanno alcun impatto sulla rigidità dell'ITB.

Articoli correlati 
SINDROME DELLA BANDELLETTA ILEOTIBIALE 


Il testo è presentato a titolo informativo sull’argomento. Non è assolutamente da intendersi come una qualunque tacita convalida del contenuto da parte nostra (non siamo in grado di esprimere giudizi qualificati in merito). Inoltre, si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.