21 Set 2022
LA CORSA IN COLLINA AUMENTA IL RISCHIO DI INFORTUNI?
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 21 Settembre 2022

La corsa in collina aumenta il rischio di infortuni?

Ogni corridore che conosco ha un rapporto di amore odio con le colline. Da un lato, sappiamo che possono renderci più in forma e farci sentire fantastici una volta conquistate, ma dall'altro... sono dannatamente brutali.

gif hill injury risk 01
Tutti, abbiamo sentito i modi con i quali una superficie inclinata influisce sul nostro corpo: lo sforzo di salire e il martellamento sulle articolazioni mentre scendi. Ma, nello specifico, cosa succede al nostro corpo quando andiamo in salita o in discesa? La corsa in collina aumenta il rischio di infortuni?

Oggi parleremo di cosa cambia quando corri in salita o in discesa, e capire come ciò influisce sul rischio di lesioni. Più conosci su come la corsa in collina influisce sui diversi muscoli e ossa, meglio sarai in grado di incorporare le colline nel tuo allenamento rimanendo in buona salute.

COME LA CORSA IN SALITA CAMBIA LA TUA FALCATA
Correre in salita è duro. Per spingere la massa del tuo corpo su un pendio, i muscoli delle gambe devono lavorare di più e mettere più forza. Questo è ovvio. La cosa interessante sono gli altri cambiamenti che si verificano quando iniziamo a salire su un pendio positivo.

hill-risk-02
(Mouse sulla figura per ingrandirla)

Quando corriamo in salita, il costo energetico aumenta; i nostri polpacci e i quadricipiti lavorano di più e anche i nostri fianchi lavorano di più; tendiamo a spostarci verso l'avampiede; la nostra cadenza tende a salire e la forza d'impatto diminuisce.

COME LA CORSA IN DISCESA CAMBIA LA TUA FALCATA
Quando corriamo in discesa, fino a un certo punto costa meno energia; i nostri fianchi e le ginocchia assorbono un maggiore impatto; tendiamo a spostare il passo verso il tallone; la nostra tibia gestisce molta forza e la nostra cadenza tende a diminuire.

hill-risk-03
(Mouse sulla figura per ingrandirla)

Tutti i fenomeni in questi diagrammi compilati da questo studio di ricerca sulla corsa in salita e in discesa.

LA CORSA IN COLLINA AUMENTA IL RISCHIO DI INFORTUNI?
Sia la corsa in salita, sia quella in discesa aumentano il carico in alcuni muscoli, ossa e altre strutture corporee, ma ciò non significa, necessariamente, che il rischio di lesioni aumenti proporzionalmente. Ad esempio, se hai flessori dell'anca particolarmente forti che raramente ti infastidiscono, molta corsa in salita probabilmente non li aggraverà o li ferirà!

È importante considerare le salite e l'aumento del carico che mettono sul corpo nel contesto totale del tuo allenamento. Se hai dolore ai polpacci, una grande giornata in salita potrebbe essere un po' più rischiosa.

Allo stesso modo, se hai a che fare con qualche dolore ai fianchi e alle ginocchia, una corsa dura con molti chilometri in discesa può aggravare i tuoi problemi esistenti, più di una corsa normale. In generale, se la sollecitazione sulla tua vita (stress, mancanza di sonno o problemi di alimentazione) è elevata, potrebbe non essere il momento ideale per un allenamento in collina perché metterebbe più stress sui nostri sistemi. Per tutti noi, se hai appena fatto molta salita assicurati di prendertela con più calma il giorno successivo!

RIEPILOGO DEL RISCHIO DI INFORTUNIO NELLA CORSA IN COLLINA
Per un essere vivente complicato, come il corpo umano, non è così semplice supporre "più colline = più infortuni". Più sappiamo come funzionano questo genere di cose, migliori decisioni possiamo prendere quando spingiamo in collina e quando ci limitiamo a fare lentamente jogging su un terreno pianeggiante!

Blog - Recover Athletics - October 1, 2021

Articolo correlato 
ESCURSIONE IN ALTURA - QUESTE SONO LE CALORIE BRUCIATE



Tratto da: https://recoverathletics.com/does-hill-running-increase-injury-risk/


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.