01 Gen 2022
LE 10 MIGLIORI SCARPE ‘VOLANTI’
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 01 Gennaio 2022

Le 10 migliori scarpe volanti

Non è nostra intenzione proporre una classifica delle migliori scarpe volanti. Peraltro, riteniamo impossibile effettuare delle comparazioni altamente tecnologiche e specialistiche avendo a disposizione solamente una tastiera di computer.

Questo vale anche per tutti gli articoli presenti sul web che titolano… i migliori dispositivi ecc…, la classifica dei migliori ecc…, che enfatizzano l’intestazione per attirare l’attenzione dei potenziali lettori; quanto al testo poi, è il solito elenco di prodotti che spesso, come caratteristiche, non sono nemmeno omogenei tra loro. Anche questo articolo presenta il medesimo difetto di titolazione, che sembra ormai radicato su scala internazionale. Però, per il rispetto dell’autore dell'articolo, è nostra prassi rimanere, quanto più possibile, aderenti al testo originale.
Titolo a parte, il contenuto ci sembra, invece, una buona descrizione di alcune scarpe da corsa (che sono tante, comprese anche quelle non menzionate), disponibili sul mercato e sulle loro caratteristiche. L’articolo è da considerarsi come un buon passatempo durante questo periodo festivo.
Per l'occasione abbiamo approfondito separatamente, in modo autonomo, l'argomento riguardante le norme che disciplinano la tecnologia delle scarpe da corsa, da parte della World Athletics, per le diverse specialità della corsa sportiva (per quanto inerente alla strada vedi il PDF a piede pagina colonna ROAD).
Sembra ormai che la scienza delle scarpe da corsa, sia in concorrenza con la scienza missilistica. 😃


di Josep Gil - 7 dicembre 2021

Scegliere le scarpe migliori per competere al massimo, che si tratti di un miglio, di una 5k, 10k, mezza maratona, anche una maratona, non è un compito facile. Ti spiegheremo cosa cercano gli atleti e cosa offre il mercato delle scarpe da competizione.

Concorrenza. Difficile parlarne quando ci muoviamo tra queste due realtà che sembrano uguali, e che alcuni descrivono come atletica e altri come corsa. In teoria parleremmo della stessa cosa, ma è vero che, sempre di più, il divario invisibile tra l'atletica professionistica e quella amatoriale si sta allargando.

Tradotto in scarpe, significa che quelle che per alcuni sono scarpe da allenamento quotidiane, per altri, quel medesimo modello, sono scarpe abituali da usare in gara.

Le scarpe che descriveremo sono quelle che gli stessi produttori chiamano “Racers” e che sono pensate esclusivamente per le competizioni, o per test, o serie incentrate interamente sulla competizione. Sono state popolarmente conosciute come scarpe volanti, a causa dell'idea che in competizione devi "volare".

Sebbene tempo fa fosse abbastanza facile dividere le scarpe in tre gruppi, in base all'attività: allenamento, competizione (o volo) e misto (a metà tra i primi due), oggi, come in ogni cosa, la linea a volte è sfocata. Sta anche nel fatto che sono molteplici i profili dei podisti, uomini e donne, ai quali la calzatura non è orientata primariamente all'obiettivo dell'attività da svolgere, ma al gusto dell'utilizzatore.

Quali caratteristiche hanno le scarpe volanti?
Una delle caratteristiche principali che hanno le scarpe volanti è il loro peso incredibilmente contenuto, ben al di sotto dei modelli da allenamento (a volte meno del 50% del peso totale, nell'ambito della medesima marca). Anche questa "incredibilità" non è del tutto vera, perché, oltre ad adottare la migliore e più recente tecnologia, molto si basa sul concetto classico di eliminare ciò che non è essenziale al fine di ottenere scarpe il più leggere possibile.

Meno protezioni (o quasi inesistenti), meno spessore dell'intersuola... (o tutto il contrario), meno mesh e più aperte, "buchi" per lo svuotamento del materiale,... tutto va nella direzione del minor peso!

Scarpe volanti o da competizione: tipo di runner
Sono scarpe che si concentrano su corridori che possiedono già una buona tecnica, con poca necessità di ammortizzazione (che comunque hanno, ma non in abbondanza) o controllo del passo (lo stesso che per l'ammortizzazione).

Ma avere tra le mani una sneaker del peso di appena 95 grammi, a più d'uno verrà di pensare che forse c'è dell'altro dietro a tanta meravigliosa tecnologia...e con ragione. La richiesta muscolare di questa scarpa è molto alta. Qualcosa di minimale, come una scarpa da competizione, richiederà anche che chi la usa faccia la propria parte. Per forza ci dovrà essere un equilibrio tra scarpa da corsa e runner. In altre parole: non sono fatte per tutti.

Quei corridori che sono temprati a tutti i livelli, principalmente quello muscolare, saranno quelli che potranno usarle e non morire (metaforicamente parlando) nel provarle. Queste scarpe con meno materiali, meno protezione, meno ammortizzazione e meno drop rispetto a quelle che si usano di solito, metteranno alla prova chi le usa. Indossare scarpe leggere può richiedere un prezzo da pagare (in termini fisiologici) e chi non è ben preparato se ne accorgerà, dopo la gara, sotto forma di dolore o, nel peggiore dei casi, sotto forma di infortuni.

Quindi, lavora sulla propriocezione, sulla tecnica di corsa, sulla continuità e sulla forza per utilizzare queste scarpe che permetteranno un migliore sviluppo in gara.

Scarpe da allenamento vs. sneaker volanti per la maratona
Solo un dato matematico: se qualcuno usa una scarpa da allenamento quotidiano, ad esempio, da 330 g per correre una maratona, probabilmente la terminerà senza problemi, ben protetto e ammortizzato. Certo, avrà trascinato quei 330 grammi in ciascuno dei suoi passi e, se facciamo un calcolo arrotondando molto approssimato (per favore, non frustatemi, è solo per semplificare il calcolo) che ogni passo misuri un metro, bene, in una maratona, che è di 42195 m, ci sono circa 42000 passi, cioè 21000 per ogni piede. Facendo il passo 42000 volte, moltiplicato per 330 g otteniamo un dato di accumulo agghiacciante pari a 13.86 tonnellate. Se facciamo il medesimo calcolo con la leggerissima New Balance RC5000, di 95 g, rimaniamo a “sole” 3.99 tonnellate.

Nell'economia della corsa è chiaro che correre con una scarpa volante pura paga in termini di prestazioni. Ma, come abbiamo detto, il corridore deve andare più o meno in simbiosi con la scarpa ed essere ben, o più che ben allenato per usarla e trarne il massimo vantaggio.

E nonostante siano scarpe con le quali si può correre anche la maratona, ovviamente sono indicate anche per distanze più brevi; quindi, il numero di persone che possono usarle aumenta man mano che la competizione diminuisce di chilometraggio: 21k, 10k, 5k, .. .

Vediamo una selezione di modelli purosangue che hanno fornito i migliori risultati.

NEW BALANCE FUELCELL RC ELITE
gif shoes 01New Balance FuelCell RC Elite v2 è una scarpa da competizione, presente sul mercato, con una delle migliori intersuole. È progettata per aiutarti a correre più facilmente e più velocemente, in particolare sulla distanza della maratona, e migliora nettamente le prestazioni del modello precedente.

L'intersuola utilizza FuelCell, un composto molto reattivo e leggero, ma qui costruito attraverso un processo chiamato ACL che permette al materiale di espandersi fino ad ottenere un alto ritorno di energia, ma morbido e con una consistenza che lo rende compatibile con altri materiali (come, per esempio, la fibra di carbonio della lamina). Ed è proprio al suo interno che incorpora una lamina in fibra di carbonio a tutta lunghezza, ora con una curvatura più accentuata per fornire una risposta più aggressiva.

L'altezza dell'intersuola è di 35 mm sul tallone e 27 mm sull'avampiede, per un drop di 8 mm.

La suola utilizza una gomma Solid Rubber solo nelle zone dove è più necessaria: tallone e avampiede. Migliora la trazione e la durata e la sezione centrale aiuta ad alleggerire il peso. Questo è combinato con un altro incavo, però nell'intersuola, che consente di vedere la lamina in fibra di carbonio dal basso. Sulla parte superiore, la maglia è molto aperta e traspirante, con molti grandi fori. È rinforzata con il logo come un esoscheletro che la rende resistente e sostiene il piede.

Può essere utilizzata da chi cerca una scarpa per gareggiare o per allenarsi pensando di utilizzarla in gare alla ricerca del massimo livello. Confortevole a velocità diverse dal massimo, renderà di più quanto più veloce andrai, e sfrutterà sia le grandi proprietà dell'intersuola, sia la nuova curvatura della lamina in fibra di carbonio. Se vuoi anche che la scarpa sia molto leggera questa pesa solo 219 g per l'uomo e 183 g per la donna.

Il prezzo ufficiale di New Balance FuelCell RC Elite v2 è di 230 €.

SKECHERS GORun SPEED ELITE HYPER
gif shoes 04Skechers, ha sempre un modello che si distingue in termini di prestazioni quando si tratta di competizione. Attualmente, quell'onore va a GORun Speed Elite Hyper, una sneaker stilizzata molto radicale in termini di peso con miseri 170 g, sia per uomo, sia per donna, poiché è unisex.

È progettata per fornire una transizione rapida e utilizzare i vantaggi di una lamina inserita nel materiale dell'intersuola Hyper Burst: ammortizzata e leggera.

Sotto, sulla suola, troviamo un altro gioiello sotto forma di una mescola di gomma piena prodotta da Goodyear, il famoso produttore degli pneumatici, ora al servizio del marchio americano. Così, la gomma resistente si distribuisce principalmente nella zona sotto i metatarsi e l'alluce e, dietro, sul bordo esterno del tallone. Skechers lo posiziona solo in aree così limitate perché la gomma piena è uno degli elementi più pesanti in una scarpa da corsa. Risparmiarlo sul resto della suola contribuisce a quel basso peso totale.

Midfoot Strike è la tecnologia dell'intersuola che aiuta l'utente a essere più efficiente nel passo. A proposito, le altezze sono 23 mm al tallone e 19 mm sull'avampiede, il che dà un drop risultante di 4 mm.

Il prezzo ufficiale di Skechers GOrun Speed Elite Hyper è di 190 €.

MIZUNO DUEL SONIC
gif shoes 03Mizuno Duel Sonic 2 è una fantastica scarpa da competizione preparata per tutte le distanze, anche le più lunghe, grazie ad un'ammortizzazione molto attenta, una suola potente in grado di lavorare principalmente su superfici asfaltate, ma che non toglie nulla alle virate di gara su strade sterrate. Merito anche di una tomaia rinnovata e aerodinamica che è molto attenta e protegge il piede, come testimonia il contrafforte del tallone.

Valida per ritmi esplosivi e gambe allenate, possono essere utilizzate anche in allenamenti di qualità (frazionati, come serie o progressioni o fartlek) dove possono essere provate per portarle, in seguito, a gareggiare.

Il profilo dell’atleta, uomo e donna, a cui è rivolta dovrebbe essere quello di coloro che sono in grado di sostenere ritmi alti, o molto alti, e che hanno preferibilmente un peso basso o medio. Certo, possono essere usate a ritmi più tranquilli (perderebbero di potenziale) o con un po' di peso in più (meglio solo per brevi distanze). Sta di fatto che l'utilizzo di questa lamina nell'intersuola, per favorire una rapida uscita in ogni transizione del passo, già indica che è pensata per sfruttarla in base al ritmo e alla velocità.

Duel Sonic 2 pesa 200 g nella finitura maschile e 170 g in quella femminile, utilizzando un profilo abbastanza basso, con un tallone ancora più basso rispetto ad altre scarpe nella zona anteriore (tacco: 21 mm e avampiede: 17 mm) e un drop di 4 mm che richiede i muscoli di chi le usa.

L'aggiunta di una gomma con carbonio sulla suola dell'X10 di Mizuno, e quella tomaia Airmesh senza elementi in eccesso, aiutano a rendere questa scarpa volante molto efficiente.

Il prezzo ufficiale di Mizuno Duel Sonic 2 è di 110 €.

ADIDAS ADIZERO ADIOS PRO
gif shoes 10Adidas Adizero Adios PRO 2 è una scarpa da competizione di altissimo livello. Utilizza un'intersuola di costruzione rinnovata dove spiccano diversi elementi eccezionali: due strati di un materiale a base di EVA chiamato LightStrike Pro che è ammortizzato, con elevata capacità di rimbalzo e molto leggero; alcune barre in carbonio che corrono sotto le falangi e aiutano nel passo e nell'intraprendere la falcata; EnergyRods di carbonio che aiutano nella transizione riducendo al minimo la perdita di energia fornendo anche stabilità; una striscia di nylon appena sopra quella lamina, migliora il comfort.

Nella parte superiore utilizza una maglia Celermesh 2.0, ultraleggera, flessibile e traspirante che sostiene il piede. Ha una nuova costruzione del tallone per evitare movimenti indesiderati del piede. Sotto, in una suola di nuovo design, la gomma piena fornita dal produttore tedesco degli pneumatici Continental, si occupa di massimizzare la trazione e l'accelerazione.

I corridori, uomini e donne, che vogliono utilizzarla (la medesima, poiché è unisex), dovrebbero essere quelli che cercano di correre al limite, per migliorare i propri record o le posizioni in gara. Ovviamente si dovrebbe correre anche nettamente sotto i 4' al km e da lì avvicinarsi, o addirittura scendere, attorno ai 3' per chilometro. Coloro che vogliono usarla a ritmi più tranquilli dovrebbero essere consapevoli che potrebbero non approfittare di tutto ciò che hanno pagato per questa scarpa.

Le scarpe della famiglia Adizero sono la parte pregiata di Adidas, e questa Adios PRO 2, l'arma per lottare per il trono, con altri marchi, della migliore scarpa da competizione al mondo, sia a livello professionale, sia amatoriale.

Il prezzo ufficiale di Adidas Adizero Adios Pro 2 è di 220 €.

NIKE AIR ZOOM ALPHAFLY NEXT%
gif shoes 09Nike Air Zoom AlphaFly NEXT% è un modello tecnologicamente molto avanzato pensato non solo per competere, ma per farlo ad alte velocità. Può essere utilizzata nelle sessioni di allenamento, ma solo in quelle che consistono in intervalli dove spremere i ritmi o che servono a riprodurre situazioni di gara. In nessun caso per l'allenamento quotidiano. Sembra grande, ma pesa solo 210 g.

La parte principale di AlphaFly NEXT% è l'intersuola, grazie al materiale ammortizzato, leggero e reattivo che è ZoomX, la lamina in fibra di carbonio che include all'interno e una nuova posizione delle camere d'aria, il tutto per una migliore corsa in gara. La suola e la tomaia completano un design dall'aspetto radicale, ma anche massimalista, lontano da ciò che una scarpa volante ha sempre rappresentato in tal senso.

I ritmi a cui usarla sono il massimo che un podista può esprimere in gara, ma qui occorre mettere un dato e cioè che per medie superiori a 3.30” al km forse non ha senso pagare, che non è poco, per quanto valgono. La distanza è un altro aspetto da tenere in considerazione, perché grazie alla sua intersuola esagerata, le migliori prestazioni si otterranno nelle gare di lunga distanza, dove spiccano nettamente la mezza maratona e la maratona.

Il prezzo ufficiale di Nike Air Zoom AlphaFly NEXT% è di 300 €.

ASICS METASPEED SKY
gif shoes 08
ASICS Metaspeed Sky è una scarpa da competizione di altissimo livello che tiene conto dello stile di chi le utilizza per trarne il massimo. È ottimizzata per chi, aumentando il ritmo nella competizione, lo fa aumentando la lunghezza della falcata (il modello Metaspeed Edge è ottimizzato per chi aumenta non tanto la lunghezza della falcata ma anche la frequenza dei passi al minuto).

Per ottenere queste prestazioni, Metaspeed Sky utilizza un'intersuola con una curvatura che favorisce le prestazioni, ma consente anche di risparmiare energia. Il materiale che incorpora è FlyteFoam Blast Turbo, che è ammortizzato e reattivo e, inoltre, ospita al suo interno una lamina in fibra di carbonio che ne aumenta le prestazioni in gara.

Il drop dell'intersuola è di 5 mm, anche se lo spessore è diverso a seconda del sesso, rispettivamente 33 mm di altezza nel tallone e 28 mm nell'avampiede per l'uomo, e 31 mm e 26 mm per la donna. La suola di questa Metaspeed Sky segue la curvatura dell'intersuola e utilizza una gomma leggera per la presa e la trazione, mentre sulla parte superiore utilizza una maglia straordinariamente fine e leggera che garantisce traspirabilità.

Nonostante sembri una scarpa grande, il suo peso è in realtà molto contenuto: appena 199 g nella finitura maschile e 165 g in quella femminile.

Il prezzo ufficiale di ASICS Metaspeed Sky è di 250 €.

SAUCONY ENDORPHIN PRO
gif shoes 07Saucony Endorphin Pro 2 è una scarpa da corsa progettata per la competizione. La sua configurazione la rende valida per qualsiasi distanza, sia 5k, 10k, mezza maratona o maratona. È prodotto ottenuto dall'esperienza lavorativa del marchio americano su altri modelli precedenti da competizione, e dall'intervento di alcuni suoi atleti d'élite. Con solo 213 g nella finitura maschile e 179 g in quella femminile, sembra che faciliterà il miglioramento del marchio.

I nomi con cui Saucony definisce le sue tecnologie a volte non sono molto intuitivi; quindi, va spiegato che PWRRUN PB è il materiale con cui è costruita l'intersuola dove è inserita la lamina in fibra di carbonio. A proposito, l'intersuola ha un drop di 8 mm. Con Speedroll, Saucony mira ad alzare la punta del piede per rendere più facile che il passo oscilli ulteriormente in avanti nella parte finale della transizione.

La linea generale è molto liscia e mostra molto materiale concentrato nell'intersuola. Per la parte superiore è utilizzata una maglia monostrato per ottenere una tomaia abbastanza aderente e ventilata. Il rinforzo laterale è il logo Saucony medesimo ed è sormontato da lacci piatti che passano attraverso cinque occhielli, lasciando un sesto libero per chi desidera un maggior serraggio.

La suola è uno dei punti sorprendenti di questa Endorphin Pro 2, poiché ha un massiccia colata di gomma resistente nell'area mediale al tallone. Il marchio americano ha lasciato solo l'intero metatarso e il puntale ricoperti di gomma piena (con borchie a forma di freccia) e il bordo esterno dell'intero tallone. La prima è una zona ad alta trazione, e la seconda ad alta usura, quindi Saucony risparmia sul materiale, ma non in quelle zone.

Il prezzo ufficiale di Saucony Endorphin Pro 2 è di € 220.

ADIDAS ADIZERO ADIOS
gif shoes 06La versione 6 di Adizero Adios, la scarpa da running più premiata nella storia di Adidas, arriva con grandi cambiamenti. Il primo di questi è che abbandona Boost, come materiale ammortizzante, e utilizza al 100% il nuovo LightStrike Pro, adottato nella maggior parte delle scarpe veloci del marchio tedesco. Infatti, nel modello precedente, Boost era ancora il materiale principale, ma LightStrike Pro si stava già infiltrando, anche se in una percentuale inferiore.

Il profilo è di 27 mm sul tallone e 19 mm sull'avampiede, per un drop di 8 mm. Niente a che vedere con le suole massimaliste. Sotto è ancora armata di una gomma Continental con un design a forma di freccia che aiuta la trazione in modo più efficiente, essendo una scarpa progettata per andare molto, molto veloce. Attraverso la suola è possibile vedere che il Torsion System si biforca in due aste che crescono dall'avampiede e che danno alla scarpa una reattività extra.

La tomaia è costruita con mesh Primegreen leggero ed ecologico e con rinforzi in pelle sintetica sul puntale, in stile classico, per proteggere le dita e renderla più resistente alla rottura. Il peso è ora di 231 g.

Il prezzo ufficiale di adidas Adizero Adios 6 è di 130 €.

HOKA ONE ONE CARBON X
gif shoes 05Hoka One One Carbon X 2 è una scarpa molto ammortizzata ma progettata per andare molto veloce. La versatilità e la comodità di questa volante ne consentono l'utilizzo non solo in gara, ma anche in allenamento. Questo grazie all'utilizzo di un'intersuola realizzata in morbida schiuma, molto ammortizzata e leggera, ma che nasconde al suo interno una lamina in fibra di carbonio per darle un grande extra in termini di capacità di propulsione.

Un altro elemento che possiamo trovare attorno a questa intersuola è la tecnologia Profly. In realtà consiste nell'utilizzo di due tipi di schiuma: la prima è quella che occupa l'intera intersuola stessa (è leggera e ammortizza dolcemente, ma reattivamente), la seconda è appena sotto. È un tipo più solido di EVA (è stata aggiunta la gomma) e funge da suola. Osservandola si capisce che è pensata per superfici dure come l'asfalto. Il drop dell'intersuola è lo stesso per entrambi i sessi: 5mm.

La parte posteriore della suola/intersuola presenta un tacco prominente e biforcuto. Questo serve a stabilizzare il passo per chi atterra prevalentemente sul tallone. Dopo, Meta-Rocker è la tecnologia che aiuta a cambiare il passo. Lo fa con la forma curva della suola e dell'intersuola, e contribuisce direttamente a rendere l'ingresso fluido e la transizione all'uscita, dalla parte anteriore, in modo più veloce ed efficiente possibile.

Il taglio della tomaia delle Hoka One One Carbon X2 è caratterizzato dall'utilizzo di un mesh leggero e traspirante che contribuisce al peso contenuto della scarpa, che è di 239 g per gli uomini e 198 g per le donne. È costruito in un unico pezzo e ci sono numerosi fori in modo che il piede arieggi al meglio.

I lacci sono piatti e sono fatti passare in sei occhielli, lasciando il settimo libero nel caso si voglia usarlo. L'interno di Carbon X 2 è comodo e nasconde una soletta che può essere rimossa in modo che chi vuole (o ne abbia bisogno), inserisca una soletta personalizzata. Nella parte posteriore, il tallone ha una forma ergonomica per adattarsi bene al piede, soprattutto nella zona dall'Achille.

Si tratta di una scarpa da competizione con lamina in carbonio, ma data la sua comodità e versatilità, può essere utilizzata anche nelle sessioni di allenamento. Certo, è più focalizzata sulle prestazioni rispetto alla sua compagna Bondi X (più comoda e anche più pesante) ed è una buona opzione per coloro che vogliono provare ad andare a ritmi più veloci del solito.

Il prezzo ufficiale della Hoka One One Carbon X 2 è di 180 €.

BROOKS HYPERION ELITE
gif shoes 02Brooks Hyperion Elite 2 è una scarpa da competizione che ha un'intersuola massimalista e una lamina in fibra di carbonio all'interno.

Brooks utilizza uno dei suoi migliori materiali nell'intersuola, DNA Flash, una variante a cui viene iniettato azoto, per un'ammortizzazione molto reattiva ed efficiente dal punto di vista energetico. Questo DNA Flash è supportato dalla lamina interna in fibra di carbonio che deve aiutare, chi le indossa, a migliorare le prestazioni e, quindi, la velocità in gara.

Sia la tomaia, sia la suola hanno privilegiato la leggerezza senza tralasciare le loro funzioni per aiutare a mantenere un peso davvero contenuto: 215 g sia per uomo, sia per donna trattandosi di un modello unisex.

La sua larghezza e comodità d'uso ne consentono l'utilizzo su tutti i tipi di distanze, da quelle brevi ed esplosive, a quelle medie e lunghe dove ci si deve muovere più comodamente. Inoltre, il profilo per il loro uso è ampio, per runner dal peso contenuto, a quello medio e medio-alto, grazie ad un'intersuola stabile e larga.

Sneakers contro cui compete: in generale, tutte le scarpe volanti si basano su intersuole massimaliste con lamina in fibra di carbonio e Brooks ha realizzato un prodotto in grado di soddisfare te e tutti gli altri. Gli basta investire a livello mediatico, come fanno altri marchi, ingaggiando atleti di livello mondiale che la affianchino nelle gare e competizioni ufficiali più importanti.

Il prezzo ufficiale di Brooks Hyperion Elite 2 è di 250 €.


Ci auguriamo che tu abbia trovato l’articolo interessante.

   Non vendiamo i prodotti menzionati e non siamo pagati per indirizzarti a siti che li vendono.   


Articoli correlati 
SCARPE DA CORSA 

Scarpe approvate dalla World Athletics   (per un'agevole lettura scarica il PDF o clicca su Separa )



Tratto da: https://www.sport.es/labolsadelcorredor/las-mejores-zapatillas-voladoras/


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.